testata uilpait

 

lostatoinnovatore

L'arte di avere ragione

di Arthur Schopenauer

Questo trattatello, vera perla nascosta negli scritti postumi di Schopenhauer, qui per la prima volta tradotto in italiano, venne elaborato «come un pulito preparato anatomico» per dare una sistemazione formale agli «artifici disonesti ricorrenti nelle dispute». Schopenhauer fornisce trentotto stratagemmi, leciti e illeciti, a cui ricorrere per «ottenere» ragione: per difenderla quando la si ha, e per farsela dare quando sta dalla parte dell’avversario. Lettura attraente e quanto mai utile: con freddezza classificatoria Schopenhauer ci indica «le vie traverse e i trucchi di cui si serve l’ordinaria natura umana per celare i suoi difetti».
Ma, nello stesso tempo, si tratta di un testo che si situa in un crocevia memorabile del pensiero moderno: negli stessi anni in cui Hegel indicava nella dialettica la via per giungere al culmine dello Spirito, il suo irriducibile antagonista Schopenhauer la raccomandava come fioretto da impugnare in quella «scherma spirituale» che è il discutere, senza badare alla verità. Contro Hegel, Schopenhauer si presenta qui come un «maestro di scherma che non considera chi abbia effettivamente ragione nella contesa che ha dato origine al duello», ma si preoccupa unicamente di insegnare a «colpire e parare», giacché «questo è quello che conta». Le ragioni sottintese in questo duro contrasto sono illustrate nel saggio di Franco Volpi che accompagna il testo.

lostatoinnovatore

L'arte del negoziato

di Roger Fisher, William Ury, Bruce Patton

Tutti i giorni ci capita di negoziare, anche quando non ce ne rendiamo conto. Si negozia con la propria moglie o il proprio marito su dove andare a cena e con il figlio sull’ora in cui deve rientrare dalla discoteca. Il negoziato è il mezzo fondamentale per ottenere dagli altri quello che vogliamo. In tutti i campi – dal lavoro all’amore, dalla vita famigliare a quella sociale, dalla semplice spesa quotidiana all’acquisto di un’auto o di una casa – saper trattare significa ottenere, vincere, avere ragione. Conoscere le tecniche della trattativa significa avere un asso nella manica, un vantaggio nella vita. Ecco perché questo libro è, da oltre dieci anni, un bestseller internazionale e un punto di riferimento per chi, imparando a negoziare, cerca di migliorare la propria condizione.
Gli autori, docenti di Harvard e tra i maggiori esperti di quest’arte, hanno capito che le stesse tecniche insegnate ai diplomatici e ai politici di professione potevano essere messe a disposizione di tutti. Così è nata l’idea di questo libro, destinato a diventare un classico: uno strumento di studio nelle università e un manuale utile e prezioso per tutti i lettori.

lostatoinnovatore

La comunicazione delle pubbliche amministrazioni

di Graziella Priulla

"Per molti, lo Stato imprenditore è una contraddizione in termini. Per Mariana Mazzucato è una realtà e una condizione di prosperità futura. È arrivato il tempo di questo libro." (Dani Rodrik, Harvard University. "Mariana Mazzucato dimostra che tutte le ultime rivoluzioni tecnologiche hanno avuto all'origine la ricerca pura finanziata dallo Stato: senza uno sforzo finanziato dai contribuenti la ricchezza dei big della Silicon Valley semplicemente non esisterebbe." (Federico Rampini). "L'economia tradizionale continua a proporci modelli astratti, il discorso pubblico continua a ripetere che la salvezza è negli imprenditori privati. In questo libro Mariana Mazzucato ci mostra come la prima soluzione sia ormai inutile e la seconda approssimativa." (Martin Wolf, "Financial Times"). Con "Lo Stato innovatore" Mariana Mazzucato è entrata d'autorità nel dibattito economico mondiale, proponendo questioni che hanno oggi, nella fase di emergenza economica causata dal Covid-19, ancora maggiore rilievo e centralità. Questa edizione è stata ampiamente aggiornata in ogni sua parte.

» CLICCA QUI PER LEGGERE L'ANTEPRIMA

lostatoinnovatore

Lo Stato innovatore

di Marianna Mazzucato

"Per molti, lo Stato imprenditore è una contraddizione in termini. Per Mariana Mazzucato è una realtà e una condizione di prosperità futura. È arrivato il tempo di questo libro." (Dani Rodrik, Harvard University. "Mariana Mazzucato dimostra che tutte le ultime rivoluzioni tecnologiche hanno avuto all'origine la ricerca pura finanziata dallo Stato: senza uno sforzo finanziato dai contribuenti la ricchezza dei big della Silicon Valley semplicemente non esisterebbe." (Federico Rampini). "L'economia tradizionale continua a proporci modelli astratti, il discorso pubblico continua a ripetere che la salvezza è negli imprenditori privati. In questo libro Mariana Mazzucato ci mostra come la prima soluzione sia ormai inutile e la seconda approssimativa." (Martin Wolf, "Financial Times"). Con "Lo Stato innovatore" Mariana Mazzucato è entrata d'autorità nel dibattito economico mondiale, proponendo questioni che hanno oggi, nella fase di emergenza economica causata dal Covid-19, ancora maggiore rilievo e centralità. Questa edizione è stata ampiamente aggiornata in ogni sua parte.

» CLICCA QUI PER LEGGERE L'ANTEPRIMA

mitologie

Mitologie economiche

di Éloi Laurent

«L'economia è diventata la grammatica della politica. Col suo uso e le sue regole condiziona il linguaggio, la parola pubblica, il cui libero arbitrio si limita ormai alla scelta del vocabolario, della retorica e dell'intonazione». Da questa oggettiva constatazione dello stato di cose presenti muove la riflessione contenuta in questo libro, che ha di mira un obiettivo determinato: mostrare come la grammatica economica non sia affatto una scienza o un'arte, ma piuttosto una mitologia, un credere comune in un insieme di rappresentazioni giudicate degne di fede. Come ogni religione e culto della fatalità, l'analisi economica mette oggi infatti in scena un universo angoscioso, fatto di vincoli, di costrizioni, di rifiuti, di punizioni, di rinunce e di frustrazioni. Risponde «non si può» quando i cittadini dicono «noi vogliamo». Riduce i progetti, le ambizioni e i sogni a questioni falsamente importanti: «quanto costa?», «quanto rende?». Segna la fine delle alternative e avvelena, infine, lo spirito democratico, poiché chi ha poteri di governo si sente obbligato a invocare le mitologie economiche per rafforzare la propria autorità e credibilità. Analizzando e decostruendo tre discorsi oggi dominanti che si servono di miti economici per renderci miopi rispetto alle vere sfide del nostro tempo - il neoliberismo in fase terminale, la social-xenofobia emergente e l'ecoscetticismo irriducibile - Éloi Laurent dimostra come l'economia sia una modernità superata che «pretende di essere una spinta permanente al cambiamento e alla riforma» e, invece, «racchiude gli individui e i gruppi nel mondo così com'è, screditando le dissidenze e soffocando i pensieri nuovi».

» CLICCA QUI PER APPROFONDIRE

gliimpiegati

Gli impiegati

di Siegfried Kracauer

Kracauer mette insieme un "mosaico" per definire chi sono gli impiegati: con preveggente intuizione l'autore comprende che l'impiegato - questa figura lavorativa in forte espansione nella Germania degli anni Venti - sarebbe diventato decisivo per la storia del lavoro e della società nei decenni futuri. Gli impiegati condividono con i proletari la condizione economica, ma in loro "continua a vivere lo spettro di una condizione borghese scomparsa". In queste pagine Kracauer dà vita al ritratto dell'uomo della classe media, rinchiuso in un egoismo narcisistico che è cieco dinanzi alla propria condizione e al proprio futuro e la cui esistenza è ridotta a ingranaggio al servizio del consumo e dello spettacolo. Un ritratto dell'impiegato europeo degli anni Trenta in cui si profila la condizione del lavoratore contemporaneo. Con un saggio di Maurizio Guerri e una nota di Luciano Gallino.

» CLICCA QUI PER APPROFONDIRE


Rabbia. Pólemos e il Leviatano

di Patrizio Paolinelli

La pandemia ha sconvolto il nostro modo di vivere. Ha ucciso, chiuso, isolato. Ha privato del lavoro, impoverito, accentuato disuguaglianze e allo stesso tempo ha alimentato molte proteste. Alcune apertamente manifeste, il cui obiettivo è l’apertura delle attività economiche e scolastiche, altre latenti, espressione della generalizzata richiesta di socialità ogni volta che il virus concede una tregua. Ad arrabbiarsi per le misure di contenimento del contagio sono stati davvero in tanti: dai commercianti agli artisti; dagli intellettuali alle estetiste; dagli operai agli studenti; dai parenti degli anziani decimati nelle case di riposo al personale sanitario; dai ristoratori agli operatori turistici, i proprietari di palestre, discoteche, impianti sportivi e così via. Da molti anni non si vedeva un’inquietudine sociale così diffusa. Pólemos è tornato scontrandosi con i decreti, i limiti, i controlli imposti dal Leviatano. E tuttavia, non è ancora chiaro se la rabbia sociale sia in grado di trasformarsi in conflitto e rappresentare la spinta verso un mondo migliore: più giusto, più libero e umano. Il neoliberismo cercherà di trarre vantaggio dalla pandemia e fino a oggi ha dimostrato di avere sia il potere sia le armi per non mettersi in discussione. Ma sarà ancora così?

Patrizio Paolinelli ci accompagna nell’analisi del presente e nelle ipotesi per il futuro interpellando sindacalisti, studiosi e un ex ministro.

» CLICCA QUI PER LEGGERE LE PRIME 16 PAGINE

sandro colombi uilpa

Gli italiani nel mondo e le istituzioni pubbliche

di Aldo Aledda

Nel mondo esiste una comunità di connazionali più vasta di quella residente nella Penisola, formatasi grazie ai grandi flussi migratori dell'Otto e Novecento, che conta circa ottanta milioni di persone e s'ingrossa ogni anno per il gran numero di giovani che si recano all'estero. Pur parlando molti solo lingue straniere e benché in essa si coltivi in genere un'identità italiana differente da quella della Penisola, se ne condividono comunque i valori fondanti e peculiari.
Il libro, dopo una ricostruzione storica della politica italiana e delle vicende che l'hanno accompagnata fin dall'Unità, cerca di dimostrare che le istituzioni pubbliche e la classe di governo si sono rapportate a questo mondo prevalentemente in termini di minimalismo politico e di massimalismo burocratico. Limitando la loro gestione alla mera quotidianità, non sono riuscite ad allungare lo sguardo alle potenzialità, soprattutto economiche e culturali, offerte da una comunità che, nel frattempo, è riuscita a organizzare in modo massiccio e capillare la propria presenza nel pianeta.
Infine si domanda se un approccio politico che vada oltre l'armamentario del tradizionale stato-nazione e superi reciproche diffidenze e antichi risentimenti non possa essere capace di riavvicinare queste due sponde a tutto vantaggio di un sistema-Italia caratterizzato da una maggiore rilevanza politica e culturale sul piano internazionale.

Aldo Aledda, presidente del Centro studi Cedise, è autore di numerosi lavori sui meccanismi istituzionali di alcuni grandi comparti della società moderna; oltre ai flussi migratori, ha studiato lo sport internazionale (per tutti Sport in Usa. Dal Big game al Big Business, 2000; Sport. Storia politica e sociale, 2002; Cultural Differences Sport, 2006; The primacy of Ethics. Also in Sports?, 2011) e la pubblica amministrazione (La sfinge di carta, 1994; Interna Corporis. Anatomia di una pubblica amministrazione, 2012), le cui materie ha insegnato a livello universitario e ha trattato come componente di autorevoli consessi nazionali e internazionali. Sull'emigrazione italiana, in particolare, ha scritto diversi articoli e saggi, tra cui il libro I sardi nel mondo, 1991, ma soprattutto è stato testimone privilegiato delle politiche di settore come coordinatore, per diversi anni, delle regioni italiane e componente della Cabina di regia della Conferenza Stato-regioni-CGIE.

» CLICCA QUI PER LEGGERE LE PRIME 16 PAGINE

sandro colombi uilpa

Effetto domino

di Paola Perini - Paolo Albano

Questo libro è la sintesi di un appuntamento che si rinnova ogni giorno lungo dieci anni con un territorio, Terred'acqua, la sua comunità, le sue famiglie, i nonni e le nonne. Con il vivere all'angolo di tanti genitori e le sofferenze e il malessere di tanti bambini e di tante persone differenti, con la generosità delle associazioni dei volontari e con quelli che da soli dedicano il loro tempo ai più deboli. E con le persone che accompagnano le scelte dei Comuni, dell'Azienda Sanitaria, dei Sindacati. Un esempio di amministrazione illuminata e provocatrice di qualità e di sviluppo. Questo libro consegna un metodo che è possibile seguire in qualsiasi altra organizzazione. A certe condizioni..

sandro colombi uilpa

Storia della Pubblica amministrazione

di Ciro Silvestro

Coltivare la conoscenza della storia della pubblica amministrazione italiana permette di seguire e capire, nei diversi periodi della evoluzione socio-politica ed istituzionale del nostro Paese, la coscienza e le azioni della P.A., le ragioni e gli strumenti delle sue espressioni, la forma e il livello delle sue risposte, i limiti delle sue prospettive e percezioni, nonché i mutamenti intercorsi nel suo rapporto con la comunità.

Solo utilizzando la chiave storica possono realmente intendersi i dibattiti odierni e, in particolar modo, il riemergere della eterna questione di una vera riforma amministrativa, tra spinte all’innovazione, resistenze corporative e deficit progettuali e culturali. Con l’ulteriore, costante dato di fondo dell’insoddisfacente rapporto dell’amministrazione col sistema politico e delle sue difficoltà di risposta alla domanda sociale di servizi.

Alla evidenziazione delle radici profonde di questi fenomeni è dedicato il presente volume, nell’intento di fornire uno strumento per una lettura più consapevole delle trasformazioni in atto.

sandro colombi uilpa

Storia dell'amministrazione italiana

di Guido Melis

La storia dell’amministrazione come capitolo centrale della storia d’Italia dal 1861 a oggi. Utilizzando gli archivi ma anche le leggi, le circolari e gli atti ufficiali, le memorie e gli epistolari e persino, più di recente, le interviste in video dei capi di gabinetto, il volume propone un affresco delle poche virtù e dei molti vizi dell’apparato burocratico italiano nella sua ultrasecolare evoluzione. Lo Stato stampella dello sviluppo, la meridionalizzazione del personale con Giolitti e dopo, i tentativi di riforma e la loro sconfitta, la vita materiale degli impiegati e la loro speciale cultura, i grandi funzionari, il fascismo, lo Stato imprenditore, la Repubblica, gli enti pubblici, le Regioni: il libro ripercorre il lungo e contrastato cammino della pubblica amministrazione che dall’Unità arriva alla crisi attuale.


Guido Melis ha insegnato Storia dell’amministrazione pubblica e Storia delle istituzioni politiche nelle Università di Sassari, Siena, Roma «La Sapienza» e nella Scuola superiore dell’amministrazione. Con il Mulino ha pubblicato anche «Burocrazia e socialismo nell’Italia liberale» (1980), «Fare lo Stato per fare gli italiani» (2014), «La burocrazia» (nuova ed. 2015), «La macchina imperfetta» (2018; Premio Viareggio). La prima edizione di questo libro ha vinto il Premio Acqui Storia e il Premio Sissco

sandro colombi uilpa

Il digitale, gli statali, il sindacato. Idee per una nuova politica industriale nel comparto pubblico

di Marco Biagiotti, Patrizio Paolinelli

La pubblica amministrazione sarà presto investita da una nuova ondata di automazione del lavoro grazie a inedite applicazioni basate sull'intelligenza artificiale. Come interpretare il fenomeno? Quali saranno le metamorfosi dei processi produttivi e dei rapporti con l'utenza? Come si sta attrezzando il sindacato per fronteggiare la prevedibile emergenza occupazionale? Intorno a tali interrogativi ruotano le riflessioni e le proposte degli autori di questo breve saggio nel tentativo di offrire alle organizzazioni dei lavoratori uno strumento utile per prendere decisioni nell'interesse dei dipendenti pubblici, degli utenti e della società.

sandro colombi uilpa


Transizioni digitali

di Patrizio Paolinelli

Le nostre società sono fondate sul lavoro, ma oggi il lavoro umano è messo in discussione dai progressi dell’intelligenza artificiale. Qual è il suo futuro in un’epoca in cui l’innovazione tecnologica è dappertutto ed è sempre più spinta?

A questa domanda cerca di rispondere l’autore senza indulgere né all’ottimismo né al pessimismo. La sua indagine si basa su una puntuale verifica del presente, perché senza tale verifica non si può progettare il domani in maniera razionale, ossia nell’interesse di tutti i cittadini.

Paolinelli ha quindi osservato come l’innovazione tecnologica è narrata e come è effettivamente praticata in tre settori produttivi: piattaforme digitali, industria manifatturiera, pubblica amministrazione.

 

sandro colombi uilpa

 

Comunicare il sindacato

di Patrizio Paolinelli

Una guida che costituisce un indispensabile strumento a disposizione del sindacalista al fine di integrare le capacità acquisite sul campo con una serie di consigli pratici su come migliorarle.

Scrivere un volantino, un comunicato stampa, un’e-mail, impostare un manifesto, utilizzare dispositivi informatici, ascoltare attivamente, proporre uno stile comunicativo, intervenire in una riunione, partecipare a un negoziato, parlare in pubblico: ecco i principali momenti in cui si articola la comunicazione sindacale.

Per ognuno di questi momenti, la Guida offre gli strumenti operativi necessari al fine di trasmettere i propri messaggi in maniera chiara, efficace e convincente

sandro colombi uilpa

La tutela delle condizioni di lavoro al tempo del Coronavirus

di Grazia Maria Delicio

L’esperta e formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro, Grazia Maria Delicio, ha inviato alcune considierazioni sull’avvio in sicurezza da parte delle imprese nell’imminente fase 2. Di seguito la nota integrale.

Grazia Maria Delicio: “Il lavoro al tempo del Coronavirus”.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il 21 aprile, ha presentato in Senato il piano del Governo per la Fase 2, che dovrebbe essere messo a punto in questa settimana.

Il piano consiste in una sorta di “staffetta” di riapertura, definita “scientifica” e “strutturata”, che dovrà sempre essere monitorata, tenendo in considerazione la “capacità” degli ospedali e che dovrà tenere conto del rischio di una nuova impennata dei contagi; di una recidiva, insomma, che potrebbe essere più impegnativa della prima ondata.

“La pandemia ha costretto ad adottare misure di estrema urgenza“, ha asserito il Presidente del Consiglio, ricordando che – al momento – il lockdown è in vigore fino al prossimo 3 maggio e presentando il piano del governo per la Fase 2, sotto forma di un programma basato su 5 punti...

» LEGGI LA SINOSSI  //  » LEGGI L'OPERA

sandro colombi uilpa

Ammortizzatori sociali

di Ivana Veronese

Numeri, riflessioni e strategie sindacali in vista di una possibile riforma.

La Ministra del Lavoro ha annunciato, quindici giorni fa, la volontà del Governo di procedere ad una riforma degli ammortizzatori sociali. Due giorni dopo ha insediato una commissione di esperti per accompagnare le riflessioni ed i confronti con le parti sociali. Primi incontri sul tema che si sono tenuti nella seconda metà di luglio.

Nel frattempo, un evento della UIL per presentare elaborazioni e raccogliere contributi, da esperti e dal dibattito interno alla Organizzazione.

E poi: riflessioni, qualche cautela ma anche proposte e disponibilità a contrattare su questa prestazione che, come ci ricorda il Segretario generale della UIL, è pagata con i soldi delle imprese e dei lavoratori (per cui compete anzitutto a loro decidere se, quando, come intervenire a modificare assetti, allargare tutele, omogenizzare prestazioni salvaguardando le specificità).

Ma andavano messi in fila anche molti valori e principi, su cui si è strutturata negli anni anche questa protezione sociale, dai quali qualsiasi intervento legislativo non può prescindere.

Dopo di che: siamo riformisti per impostazione (perché sappiamo che ogni questione e situazione può sempre essere migliorata), contrattiamo e siamo quelli del dialogo, ma non consentiremo a nessun boscaiolo di tagliare il ramo su cui milioni di lavoratori sono stati messi a sedere in queste settimane di epidemia sanitaria, che è diventata economica, produttiva, occupazionale e sociale.

Tutto questo, e molto altro, in questo volume, che abbiamo voluto agile, saggio ma provocatorio, e soprattutto instant, per non perdere l’attimo fuggente

sandro colombi uilpa

La lepre contro il gambero

Cos’è il Pubblico Impiego: realtà monolitica e rigida, oppure variegata e ricca di aspetti che ai più è tutt’ora sconosciuta? Le interviste che compongono questo volume intendono, esattamente, rispondere a tale domanda.

Dai tempi dell’Unità Nazionale, passando per lo Stato fascista e arrivando ai giorni nostri, la Pubblica Amministrazione ed i suoi dipendenti hanno rappresentato non solo un problema politico e di gestione delle risorse umane, in termini di efficienza e garanzia alla comunità dei diritti previsti dalla Carta Costituzionale; ma anche una delicata questione storica i cui nodi da sciogliere sono tanti e non sempre di facile lettura.

Questo volume intende tracciare – per somme linee – il racconto di come si è formato l’apparato tecnico-amministrativo che oggi conosciamo: attraverso i suoi cambiamenti e le sue evoluzioni. Punto di osservazione da cui la trattazione prende l’avvio: il Sindacato Confederale UIL.

Nel racconto dei protagonisti (sindacalisti e non solo) che si sono trovati a vivere periodi di intenso e radicale mutamento, la storia del Pubblico Impiego della seconda metà del XX secolo assume tinte vive e a tratti picaresche che, diversamente, in canonici volumi di storia sarebbe difficile trovare.

Libro testimonianza, ma anche racconto collettivo di esperienze condivise e di cui saper fare tesoro in modo opportuno, La lepre contro il gambero a suo modo indica una via di ricerca storico-critica finora mai percorsa, e che potrebbe dar luogo a futuri studi, non solo in vista d’una crescita culturale individuale, ma anche di consapevole miglioramento della macchina amministrativa statale di un paese non fortunato da svariati decenni: l’Italia.

sandro colombi uilpa

La contrattazione collettiva in Italia (2020)

VII Rapporto ADAPT

ADAPT è un’associazione senza fini di lucro fondata da Marco Biagi nel 2000 per promuovere, in un ottica internazionale e comparata, studi e ricerche sul lavoro

sandro colombi uilpa

Intelligenza artificiale e diritto

di Amedeo Santosuosso

La rivista «Nature» nel numero di fine 2019, delineando lo scenario della nuova decade, ha elencato i molti campi che l’intelligenza artificiale ha già rivoluzionato: dalla scienza dei materiali alla ricerca di nuovi farmaci, dalla fisica quantistica alla medicina. Il diritto deve essere in quella lista. Questo volume è una mappa, che può aiutare a definire dei possibili scenari futuri. Sarebbe auspicabile agire su un doppio fronte: da una parte promuovere la diffusione tra le nuove generazioni delle regole di utilizzo delle tecnologie emergenti, dall’altra arrivare alla costruzione di una nuova visione generale del diritto nell’era tecnologica, che si potrebbe risolvere in un’innovativa idea ’molecolare’ del diritto stesso. Rischi e opportunità: avvocati, giudici e giuristi dell’accademia devono essere pronti per il mondo che li aspetta.

sandro colombi uilpa

Lavorare uccide

di Marco Rovelli

Le morti che avvengono per incidenti sul lavoro si chiamano, in Italia, morti bianche. Bianche come il silenzio, come l’indifferenza. Come l’immediata elusione di ogni responsabilità da parte di chi impone ai lavoratori condizioni ambientali insostenibili. Si tratta di lavoratori dimenticati, di storie individuali delle quali è difficile definire il profilo. Storie bianche, vite bianche, costrette a esistere in un vuoto di diritti, facilmente rimosse dopo un breve clamore massmediale in coincidenza con l’ennesimo "incidente".

sandro colombi uilpa

Lavoro da morire

di AA.VV.

La letteratura di oggi, nel nostro Paese, parla di lavoro molto poco, spesso solo tangenzialmente rispetto a temi sentiti più stringenti, più umanamente necessari, più raccontabili forse. Quel "Vergogna!", che risuona nelle strade italiane a ogni nuovo morto sul lavoro, a ogni sciopero, a ogni manifestazione di protesta contro discriminazioni e ingiustizie salariali e contrattuali, continua ad additare un male non risanato, un problema - sempre diverso eppure sempre presente - che non conosce soluzioni definitive. Questi racconti nascono dal bisogno di uscire dall’emergenza di fenomeni generali che di volta in volta si chiamano lavoro nero, disoccupazione, precarietà, morti bianche, per avvicinare l’orecchio a storie di vita ed esperienze professionali di donne e uomini che hanno lavorato, lavorano o vorrebbero farlo, che hanno da raccontare vicende minime di ordinario sopruso o, se si preferisce, di quotidiana fatica spesa a difendere diritti che con grande facilità finiscono calpestati. Questi undici racconti prendono spunto da storie individuali che altrettanti autori ci propongono tenendo viva una vocazione sociale nell’interpretare il mestiere di scrittore

sandro colombi uilpa

Scarica il libro "Le RSU - Elezioni 2007"

Guida alle elezioni ed all'incarico di componente delle rappresentanze sindacali unitarie nella Pubblica Amministrazione. Ufficio Studi e Formazione della UIL Pubblica Amministrazione ----------

sandro colombi uilpa

Il rapporto di lavoro nella Pubblica Amministrazione

Cari iscritti,

sono lieto di potervi comunicare che sotto il patrocinio della UILPA, è stato realizzato il volume" IL RAPPORTO DI LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - per il personale non dirigente di ministeri/agenzie fiscali/enti pubblici non economici" . Il libro raccoglie in modo sistematico le principali norme contrattuali e legislative vigenti e può rappresentare un valido strumento di lavoro per i quadri e rappresentanti nell'attività sindacale, nonché mezzo di conoscenza e divulgazione verso tutti i lavoratori interessati ad una maggiore conoscenza dei diritti e doveri in cui si concretizza il rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione.

Il volume ha un costo di 30€ di cui facciamo volentieri omaggio a tutti i lavoratori in regola con l'iscrizione alla UIL PA.

Buona lettura ed un cordiale saluto.

IL SEGRETARIO GENERALE
Benedetto Attili

Roma, 12 gennaio 2012

 

sandro colombi uilpa

Il rapporto di lavoro nel parastato

IL RAPPORTO DI LAVORO NEL PARASTATO Uil - Pubblica Amministrazione Le relazioni sindacali e le norme che regolamentano il rapporto di lavoro nel comparto enti pubblici non economici.I nuovi lavori e il sistema pensionistico.

sandro colombi uilpa

Il rapporto di lavoro degli statali

di Marco Biagiotti e Gianni De Nichilo

Le relazioni sindacali e le norme che regolamentano il rapporto di lavoro nel comparto ministeri. I nuovi lavori e il sistema pensionistico

sandro colombi uilpa

Il rapporto di lavoro delle Agenzie Fiscali

a cura di marco Biagiotti, Roberto Cefalo, Gianni De Nichilo, Santino Gattuso - Coordinamento di Fabrizio di Lalla

Le relazioni sindacali e le norme che regolamentano il rapporto di lavoro nel comparto delle Agenzie Fiscal iI nuovi lavori e il sistema pensionistico