Dom. 25 Febbraio 2024 - 05:05

Soprintendenza senza personale, FP CGIL e UILPA: a rischio gli interventi PNRR e la tutela del patrimonio culturale nell’intero viterbese e nell’Etruria Meridionale

Il 1° febbraio 2021, a seguito dell’ennesima riforma dell’attuale Ministero della Cultura, è nata la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della provincia di Viterbo e dell’Etruria Meridionale. Sin dalla sua istituzione il personale operativo, e particolarmente i funzionari tecnici, è sempre stato inferiore rispetto alla previsione della pianta organica e a quanto necessario per l’ordinario funzionamento dell’Ufficio. A fronte di 111 unità per garantire il funzionamento, oggi in servizio ci sono solo 48 lavoratori, di cui 32 dipendenti nelle 4 sedi operative di Roma, Viterbo, Tarquinia ed Oriolo Romano e 16 addetti alla vigilanza nelle aree archeologiche assegnate che effettuano un servizio di apertura al pubblico.

“Lavorare in queste condizione è impossibile, non solo nel far fronte a situazioni di carattere emergenziale ma anche nell’ordinarietà – denunciano FP CGIL e UIL PA – , ma soprattutto rispetto all’impegno previsto dal carico di lavoro, arrivato attualmente a livelli insostenibili. La situazione attuale comporta il rischio di gravi danni operativi ed economici per il territorio di competenza e per le attività di tutti i soggetti, pubblici e privati, interessati dal buon andamento di questo ufficio. La mancanza di soluzioni concrete da parte del MIC, nonostante la situazione sia stata più volte evidenziata a più livelli, si traduce in criticità e mancanze che impattano gravemente sulle attività di Enti locali e privati, che già subiscono e subiranno loro malgrado sempre più le conseguenze della situazione attuale, con il rischio concreto di perdite di finanziamenti e gravi danni economici anche in relazione all’attuazione del PNRR”.

FP CGIL e UIL PA hanno più volte denunciato la grave carenza di personale, che arriva intorno al 30% di quanto stabilito dalle piante organiche, esposta anche al dirigente competente dai funzionari stessi, perché rende impossibile adempiere anche alle attività minime.

“Nonostante i funzionari e tutti i dipendenti assicurino la propria attività ben oltre l’orario contrattualmente previsto – continuano i sindacati – si rischia una paralisi totale dell’attività di tutela del patrimonio culturale in un territorio, come quello viterbese e dell’Etruria Meridionale, ricco di importanti testimonianze storico artistiche e che su queste fa leva per lo sviluppo turistico ed economico. Allo stato attuale non è possibile assicurare né il rispetto delle tempistiche legate alla resa dei pareri, né il buon andamento delle procedure, né l’attuazione della programmazione ordinaria e dei cantieri attualmente in corso, con conseguenze per tutti i soggetti e gli operatori economici coinvolti. Anche lo scorrimento delle graduatorie concorsuali rischia di non essere di aiuto perché non include personale tecnico-scientifico addetto alle funzioni di tutela.

Chiediamo un forte intervento della politica, sia a livello di Ministero, per integrare il personale attualmente operativo con urgenti assunzioni, anche a carattere emergenziale, sia a livello di governo locale, affinché le istituzioni tutte si facciano carico di una situazione che rischia di impattare sulle risorse del territorio”.

 

Comunicato unitario in PDF

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti