Mer. 21 Febbraio 2024 - 08:36

Sondaggio globale 2022 della ITUC: una crisi del costo della vita a livello mondiale

I lavoratori di tutto il mondo stanno lottando per arrivare a fine mese sotto il peso di una crisi mondiale del costo della vita.

Secondo una nuova ricerca della Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC), due famiglie su cinque (43%) hanno subito una perdita di posti di lavoro o di ore lavorative e una su due (51%) afferma che il proprio reddito è inferiore al costo della vita.

Sharan Burrow, Segretario generale della ITUC, ha dichiarato: “Le disuguaglianze e le ingiustizie che sono al centro del sistema economico fallito, con enormi deficit nella regolamentazione aziendale e finanziaria, sono state brutalmente smascherate e peggiorate dalla pandemia COVID-19”.

Pubblicato alla vigilia del 5° Congresso mondiale della ITUC a Melbourne, in Australia, il sondaggio globale, commissionato a YouGov, riguarda l’opinione pubblica di diciassette Paesi.

I risultati forniscono una visione chiara delle sfide che i lavoratori devono affrontare:

– Lavoro: il 66% è preoccupato per la perdita dell’occupazione
– Diritti: Il 55% delle persone è preoccupato per l’indebolimento delle leggi sul lavoro. Il 53% afferma che i tassi di violenza nel mondo del lavoro sono aumentati.
– Salari: Una persona su dieci (13%) non ha abbastanza soldi per i beni di prima necessità come la casa, il cibo e l’elettricità. Tre quarti delle persone (72%) ritengono che il salario minimo non sia sufficiente per vivere una vita dignitosa.
– Protezione sociale: l’87% è favorevole all’accesso all’assistenza sanitaria a prezzi accessibili, ma il 67% si preoccupa della capacità dei sistemi sanitari di farvi fronte.
– Uguaglianza: il 66% è preoccupato per la disparità di guadagno e di opportunità tra uomini e donne.
– Inclusione: il 69% ritiene che il sistema economico favorisca i ricchi.

“Le fondamenta stesse della democrazia e dell’economia globale sono andate in frantumi. I governi, intimoriti dall’avidità delle imprese, non sono riusciti ad agire nell’interesse dei lavoratori. Quando il 56% delle persone afferma che il timore di ripercussioni impedirebbe loro di denunciare le pratiche scorrette delle imprese, sappiamo che la responsabilità sociale delle imprese ha fallito. I lavoratori sanno che il progresso economico e sociale si è fermato o sta regredendo. Il sistema economico favorisce gli interessi di pochi, mentre i servizi pubblici sono ridotti all’osso e i diritti dei lavoratori sono sotto attacco, con un aumento della violenza e delle molestie sul lavoro. Ma i lavoratori sono chiari nelle loro richieste. Sanno che la risposta è un nuovo contratto sociale basato su posti di lavoro, diritti, salari, protezione sociale, uguaglianza e inclusione rispettosi del clima”, ha aggiunto Sharan Burrow.

L’ITUC rappresenta la più grande comunità democratica globale e il Congresso mondiale discuterà il mandato del movimento sindacale mondiale, con la partecipazione di oltre 1.000 sindacalisti provenienti da più di 130 Paesi.

Il Presidente di ITUC, Ayuba Wabba, ha dichiarato: “I lavoratori sostengono gli obiettivi di un progresso sociale ed economico inclusivo con una prosperità condivisa e un futuro sostenibile. Al momento questi obiettivi sono fuori portata per molte persone. Ma con l’applicazione di queste chiare richieste, con un nuovo contratto sociale, possiamo invertire la rotta e creare un’economia che funzioni per i lavoratori. Ma è urgente. I governi e le imprese devono definire subito un piano d’azione per realizzare un nuovo contratto sociale e iniziare a riparare i danni”.

Il Presidente del Consiglio australiano dei sindacati (ACTU), Michele O’Neil, ha dichiarato: “Questo sondaggio dimostra che i lavoratori australiani, che stanno affrontando una crisi salariale in corso e a cui da anni viene chiesto di fare di più con meno, non sono soli. I lavoratori di tutto il mondo stanno lottando per tenere il passo con l’aumento del costo della vita e la crescente disuguaglianza. I confronti internazionali possono anche indicare ai lavoratori australiani una strada da seguire: la contrattazione tra più datori di lavoro ha contribuito a migliorare la crescita dei salari e la qualità della vita in decine di altri Paesi. È ora che ci mettiamo al passo con il resto del mondo in materia di diritti di contrattazione”.

NOTE:
Per una copia delle tabelle dei dati di YouGov, contattare Andrew Khan-Gordon, comunicazione campagne ITUC: press@ituc-csi.org.

YouGov ha svolto il lavoro sul campo dal 22 giugno al 6 luglio 2022, intervistando la popolazione adulta di Argentina, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Egitto, Francia, Gran Bretagna, Germania, India, Indonesia, Giappone, Messico, Sudafrica, Corea del Sud e Stati Uniti. Tutti i numeri dei sondaggi citati rappresentano la media dei 17 Paesi. I dati sono stati ponderati a livello nazionale e sono rappresentativi di tutti gli adulti di ciascun Paese.

Il Congresso mondiale della ITUC si terrà a Melbourne, Australia, dal 17 novembre al 22 novembre 2022. L’ITUC rappresenta 200 milioni di lavoratori in 163 Paesi e territori, appartenenti a 332 sindacati nazionali.

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti