Dom. 25 Febbraio 2024 - 05:54

Multilateralismo globale. Prospettive sul futuro della cooperazione internazionale

Il mondo è in una modalità di crisi permanente. Oltre alle conseguenze della pandemia di COVID-19 e della triplice crisi planetaria del cambiamento climatico, dell’inquinamento e della perdita di biodiversità, i paesi di tutte le regioni sono colpiti dagli effetti geopolitici ed economici della guerra in Ucraina e di altri violenti conflitti, un conflitto mondiale crisi del costo della vita e un’escalation della crisi del debito, soprattutto tra i paesi a basso e medio reddito.

In una tale situazione, è urgente intensificare la cooperazione internazionale. Sotto lo slogan “crollo o svolta”, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto nuovi modi per lavorare insieme per superare le molteplici crisi. Ha proposto un vertice del futuro , definendolo “un’opportunità irripetibile per rinvigorire l’azione globale, impegnarsi nuovamente nei principi fondamentali e sviluppare ulteriormente le strutture del multilateralismo in modo che siano adatte al futuro”.

Gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno convenuto che il vertice si svolgerà nel settembre 2024, preceduto da una riunione ministeriale preparatoria nel settembre 2023.

Il processo preparatorio del Vertice offre un’opportunità unica non solo ai governi e alle Nazioni Unite, ma anche alle organizzazioni della società civile, ai sindacati e ai ricercatori di plasmare il discorso globale sul futuro del multilateralismo e della cooperazione globale.

Questo nuovo rapporto Spotlight on Global Multilateralism mira a contribuire a questo processo. Offre analisi critiche e presenta raccomandazioni per rafforzare le strutture e le politiche multilaterali democratiche. I suoi contributi coprono aree chiave come la pace e la sicurezza comune, le riforme dell’architettura finanziaria globale, gli appelli per un nuovo contratto sociale, un futuro digitale inclusivo, i diritti delle generazioni future e la trasformazione dei sistemi educativi. La relazione identifica anche carenze e debolezze intrinseche delle attuali strutture e approcci multilaterali. Ciò vale, tra l’altro, per i concetti di multistakeholderismo influenzato dalle imprese, ad esempio nel settore della cooperazione digitale. E pur non essendo ancora adeguatamente riconosciuto nel sistema multilaterale globale, il rapporto esplora anche il ruolo sempre più attivo delle città,

Il PSI è coautore di un articolo con l’UCLG che sostiene il coinvolgimento significativo dei governi locali e regionali e dei sindacati dei servizi pubblici nel sistema multilaterale del futuro. Questo articolo esamina il contributo dei LRG e dei loro lavoratori e sindacati al dibattito globale sulla riforma del multilateralismo e identifica i percorsi verso la loro inclusione significativa attraverso la futura riforma del sistema delle Nazioni Unite.

In particolare, sostiene

  • inclusione e consultazione significative e sistematiche dei sindacati nelle istituzioni e nei processi decisionali multilaterali, in quanto apportano la loro esperienza unica in prima linea che è così fondamentale per attuare tutte le agende globali

 

  • che UN-Habitat istituisce un meccanismo specifico per coinvolgere e riconoscere in modo significativo i lavoratori dei servizi urbani e locali e l’esperienza dei loro sindacati nelle politiche urbane e nella fornitura di servizi pubblici vitali, SDG 11

 

  • il riconoscimento e l’attenzione dell’ONU alla competenza e alla professionalità dei sindacati e delle organizzazioni dei lavoratori dei lavoratori dei servizi del governo locale come attori chiave nell’affrontare situazioni di multicrisi.

 

  • la facilitazione di uno spazio adeguato per un regolare dialogo sociale tra le autorità LRG ei sindacati dei lavoratori dei servizi pubblici locali

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti