Sab. 2 Marzo 2024 - 04:10

Copernicus. Il dicembre più caldo conclude l’anno più caldo mai registrato

Dicembre 2023 è stato il dicembre più caldo mai registrato a livello globale, chiudendo un anno in cui i sette mesi da giugno a dicembre hanno tutti superato i record di temperatura, rendendo il 2023 l’anno più caldo da quando sono iniziate le registrazioni. La temperatura media dell’aria superficiale lo scorso mese è stata di 13,51°C, 0,85°C al di sopra della media 1991-2020 di dicembre e 0,31°C al di sopra della temperatura dei precedenti dicembre più caldi, nel 2015 e nel 2019. Per una panoramica completa del clima globale in tutto il mondo 2023, consulta i punti salienti del clima globale 2023 del Copernicus Climate Change Service (C3S) .

 

“Sette mesi consecutivi in ​​cui la temperatura ha superato i record precedenti rappresentano un campanello d’allarme allarmante per tutti noi. Un simile risultato ha reso il 2023 l’anno più caldo mai registrato”, ha affermato il direttore di C3S Carlo Buontempo. “Dovremo intraprendere azioni immediate e decisive se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi climatici”, ha aggiunto.

 

Nel dicembre 2023 le temperature europee sono variate da molto al di sotto della media del periodo 1991-2020 nei paesi nordici a molto al di sopra della media nell’estremo sud-est del continente. Al di fuori dell’Europa, le condizioni più calde si sono verificate nel Nord America e, in particolare, in Canada.

 

Copertura di ghiaccio marino

 

L’estensione media mensile del ghiaccio marino artico nel dicembre 2023 era di 12,1 milioni di km2, circa 0,3 milioni di km2 (o 3%) al di sotto della media 1991-2020 di dicembre. Questo valore è al decimo posto più basso nel record di dati satellitari.

 

L’estensione media del ghiaccio marino antartico per dicembre 2023 è stata di 9,3 milioni di km2, 1,7 milioni di km2 (o 15%) inferiore alla media del periodo 1991-2020 per dicembre. Questa è la seconda estensione più bassa per dicembre nell’ambito del set di dati satellitari di 45 anni.

 

Precipitazioni, umidità relativa e umidità del suolo

 

Nel dicembre 2023, gran parte dell’Europa ha registrato condizioni di umidità superiori alla media e una serie di tempeste hanno colpito l’Europa centrale e nordoccidentale con impatti che vanno dalla neve diffusa alle inondazioni. La Scandinavia, l’Islanda e l’Europa meridionale hanno registrato condizioni più secche rispetto alla media, mentre parti di Francia, Spagna, Turchia e Balcani occidentali hanno registrato precipitazioni inferiori alla media, nonostante persistenti condizioni di umidità del suolo più umide rispetto alla media.

 

Al di fuori dell’Europa, il clima è stato più umido della media in diverse regioni, comprese le parti orientali e settentrionali del Nord America, una vasta regione dell’Eurasia, il Sud America sudorientale, l’Africa sudorientale e l’Australia orientale. Condizioni più secche della media sono state osservate in parti del Nord America occidentale e meridionale, in Canada, gran parte del Sud America, nel Corno d’Africa, nella penisola arabica, nell’Asia centro-meridionale e in gran parte dell’Australia.

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti