Mer. 21 Febbraio 2024 - 09:54

Bombardieri. Primo Maggio non è festa
ma giornata di mobilitazione

Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale UIL

“Si avvicina il Primo Maggio, ma per noi, purtroppo, non è una giornata di festa”.

Così il Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri, all’indomani della conferenza stampa di presentazione dell’evento centrale per tutto il Sindacato confederale, ribadisce, ancora una volta, le sue preoccupazioni per l’attuale situazione economica e sociale. E lo fa da Udine, dove, questa mattina, si è svolto l’attivo dei quadri e delegati di Cgil, Cisl, Uil del Friuli, in vista della mobilitazione unitaria proclamata dalle tre Organizzazioni sindacali, che culminerà nelle iniziative di piazza del 6 maggio a Bologna, del 13 a Milano e del 20 a Napoli.

“C’è ancora tanta gente che soffre – ha sottolineato Bombardieri – tanti lavoratori in difficoltà per le crisi aziendali, tanti giovani che non riescono a trovare lavoro, tanti lavoratori precari e mal retribuiti. Anche il Primo Maggio, dunque, sarà una giornata di mobilitazione per chiedere al Governo interventi concreti per le lavoratrici, i lavoratori, i pensionati e i giovani. Vedremo cosa ci sarà nel cosiddetto decreto lavoro – ha precisato Bombardieri – ma al momento siamo preoccupati per le decisioni che stanno emergendo. Il rischio è che, con quel provvedimento, aumenti la precarietà perché potranno essere utilizzati contratti a tempo determinato per la durata di tre anni. Inoltre – ha proseguito il leader della Uil – crescono i profitti e le diseguaglianze ma, al contrario, diminuisce il potere d’acquisto dei salari, con un’inflazione che si è mangiato il 10% delle buste paga. Nel corso di un anno, dunque, i lavoratori hanno già perso una mensilità del proprio salario: pertanto, il previsto taglio del cuneo fiscale, con i suoi 15 euro lordi al mese, è del tutto insufficiente per recuperare quella perdita. Infine – ha sottolineato il leader della Uil – nulla si è mosso né in materia di salute e sicurezza, mentre si continua a morire sul lavoro, né di pensioni, visto il peggioramento di opzione donna, né di fisco, considerato che non c’è la riduzione strutturale delle tasse per pensionati e dipendenti e neanche la detassazione degli aumenti contrattuali. Ecco perché – ha concluso Bombardieri- abbiamo indetto questa grande mobilitazione: siamo convinti che sia possibile costruire una società migliore e l’impegno unitario del Sindacato punta a convincere il Governo della necessità di cambiare direzione di marcia”.

 

CGIL CISL UIL A POTENZA

 

L’edizione del Primo Maggio 2023, promossa da Cgil, Cisl, Uil, sarà dedicata alla Carta Costituzionale, in occasione dei 75 anni dalla sua entrata in vigore. Sarà la città di Potenza a ospitare la tradizionale manifestazione che si terrà a partire dalle ore 10 in piazza Mario Pagano. Sul palco, dopo gli interventi delle lavoratrici e dei lavoratori, prenderanno la parola, alle ore 12,10, i tre segretari generali: Pierpaolo Bombardieri, Luigi Sbarra, Maurizio Landini.

“Nella Costituzione – sottolineano le tre Confederazioni – il lavoro viene riconosciuto come il primo principio fondamentale della Repubblica Italiana, un diritto personale e un dovere sociale che deve essere garantito e valorizzato. Abbiamo scelto Potenza come città simbolo della difficile situazione del meridione, ma anche come luogo dal quale partire per una nuova stagione di rilancio e crescita del Sud”.

Nel pomeriggio a Roma, in piazza San Giovanni, si svolgerà il classico Concertone: nove ore di musica dal vivo e circa cinquanta artisti.

 

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti