testata uilpait  

Grande successo, oggi, per la giornata di mobilitazione nazionale da parte dei lavoratori dell'Agenzia delle Entrate, proclamata da UILPA, Fp Cgil, Cisl Fp, Confsal/Salfi e Flp, con assemblee su tutto il territorio nazionale e presidio presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I dipendenti hanno manifestato per la mancata convocazione da parte del Ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, per discutere della presunta riorganizzazione dell'Agenzia. La lotta all'evasione fiscale è un tema fondamentale per la coesione sociale, l'equità, il mantenimento dell'attuale livello di welfare.

Il lavoro dei dipendenti dell'Agenzia è un fattore indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi dell'Amministrazione, e qualsiasi riorganizzazione non può prescindere dal coinvolgimento dei lavoratori e dal riconoscimento degli stessi come soggetti portatori di diritti.

È per questo che sollecitiamo quindi i vertici dell'Agenzia a riprendere il confronto sulla contrattazione integrativa, in particolar modo sulle progressioni economiche, proprio in virtà del riconoscimento del ruolo fondamentale di dipendenti nell'attività di recupero di risorse per tutta la collettività.

La partecipazione è stata straordinaria, come testimoniano le foto dai vari territori, fino a raggiungere il 90% di partecipazione a Enna. La manifestazione è dunque perfettamente riuscita, tanto che una delegazione è stata ricevuta dal vice ministro Luigi Casero.

Il viceministro ha convenuto sulla necessità di costituire un tavolo formale e permanente di confronto tra le parti sul progetto di riforma delle Agenzie fiscali. Nello stesso Tavolo verranno altresì affrontate le questioni più urgenti rappresentate dalle OO.SS. a partire dal nuovo sistema incentivante delle Agenzie previsto dal D.Leg.vo 157/2015 anche al fine di individuare adeguate risorse per garantire la crescita prodessionale del personale e il riconoscimento delle specifiche responsabilità esercitate.

La prima riunione è fissata per il giorno 27 aprile 2017.