Banner

Rabbia. Pólemos e il Leviatano

La pandemia ha sconvolto il nostro modo di vivere. Ha ucciso, chiuso, isolato. Ha privato del lavoro, impoverito, accentuato disuguaglianze e allo stesso tempo ha alimentato molte proteste. Alcune apertamente manifeste, il cui obiettivo è l’apertura delle attività economiche e scolastiche, altre latenti, espressione della generalizzata richiesta di socialità ogni volta che il virus concede una tregua. Ad arrabbiarsi per le misure di contenimento del contagio sono stati davvero in tanti: dai commercianti agli artisti; dagli intellettuali alle estetiste; dagli operai agli studenti; dai parenti degli anziani decimati nelle case di riposo al personale sanitario; dai ristoratori agli operatori turistici, i proprietari di palestre, discoteche, impianti sportivi e così via. Da molti anni non si vedeva un’inquietudine sociale così diffusa. Pólemos è tornato scontrandosi con i decreti, i limiti, i controlli imposti dal Leviatano. E tuttavia, non è ancora chiaro se la rabbia sociale sia in grado di trasformarsi in conflitto e rappresentare la spinta verso un mondo migliore: più giusto, più libero e umano. Il neoliberismo cercherà di trarre vantaggio dalla pandemia e fino a oggi ha dimostrato di avere sia il potere sia le armi per non mettersi in discussione. Ma sarà ancora così?

Patrizio Paolinelli ci accompagna nell’analisi del presente e nelle ipotesi per il futuro interpellando sindacalisti, studiosi e un ex ministro.

» CLICCA PER INFORMAZIONI

» CLICCA QUI PER LEGGERE LE PRIME 16 PAGINE

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti