Banner

P.A. In 20 anni contratti stabili al minimo storico

L’ultimo Rapporto ARAN relativo agli occupati nella P.A. per tipologia di rapporto di lavoro certifica una preoccupante involuzione occupazionale nel comparto pubblico. Infatti, confrontando i dati dal 2001 al 2021 emerge come la P.A. abbia perso un numero rilevante di posti di lavoro.

 

Comparto delle Funzioni Centrali: nel 2001 gli occupati erano 363.002, mentre nel 2021, 199.121. Circa 165 mila unità in meno. Stesso destino per le Funzioni locali che nel 2001 contavano 585.544 dipendenti e nel 2021, 395.235.

 

Gli unici settori dove il divario risulta meno netto sono Istruzione e ricerca con una differenza di circa 70.000 unità, e Sanità con uno scarto di 20 mila unità dal 2001 al 2021.

 

Questi numeri però riguardano tutti i dipendenti della P.A., sia quelli a tempo determinato che indeterminato. L’ARAN tuttavia mostra anche come in venti anni questi due tipi di contrattualizzazioni si sono evolute.

 

Nel 2001 in tutta la Pubblica Amministrazione i dipendenti assunti a tempo indeterminato erano 3.230.784, mentre nel 2021 risultano 2.932.529, il minimo storico. 300mila contratti a tempo indeterminato in meno che hanno svuotato gli uffici portandone alcuni alla soglia del collasso.

 

Disaggregando i dati l’Italia appare così sempre più spaccata in due: da una parte i territori dove esiste una buona presenza di lavoro privato che, mediamente, offre trattamenti economici migliori rispetto al datore di lavoro pubblico; dall’altra le regioni del Sud che forniscono alla P.A. il principale serbatoio di forza-lavoro, ma destinata a una condizione di sostanziale povertà.

 

C’è necessità di un piano occupazionale di ampio respiro per le amministrazioni pubbliche. Un piano basato su posti di lavoro stabili e su retribuzioni dignitose.

 

Roma, 28 settembre 2023

 

Redazionale

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti