Banner

ONU. Rapporto sulla migrazione mondiale 2024

La migrazione è antica quanto l’umanità stessa. Nel corso della storia, le persone sono emigrate in cerca di una vita migliore, per fuggire dai conflitti o cercare sicurezza, o semplicemente per trovare nuove opportunità. Potrebbe sorprendere il fatto che la maggior parte della migrazione sia regolare, sicura e ordinata, focalizzata a livello regionale e spesso direttamente collegata al lavoro. Ciò che cattura l’attenzione nei titoli è solo una parte della storia. La migrazione è una questione che è stata profondamente influenzata dalla disinformazione e dalla politicizzazione, e le narrazioni dominanti si sono allontanate molto da resoconti equilibrati e accurati della migrazione, sia nelle sue semplici verità che nelle sue complesse realtà specifiche alla situazione.

 

Ecco perché l’obiettivo centrale della serie di report di punta dell’OIM sulle migrazioni mondiali è quello di definire in termini chiari e accurati i cambiamenti che si verificano nella migrazione e nella mobilità a livello globale, in modo che i lettori possano comprendere meglio i cambiamenti e adattare il proprio lavoro. In quanto agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, l’OIM ha l’obbligo di demistificare la complessità e la diversità della mobilità umana attraverso dati, ricerche e analisi basati sull’evidenza.

 

Il rapporto riconosce inoltre il continuo obbligo dell’OIM di difendere i diritti fondamentali e la sua missione di sostenere i migranti più bisognosi. Ciò è particolarmente critico nelle tre aree a cui l’OIM attribuisce la massima priorità delineate nel nuovo Piano strategico 2024-2028 dell’OIM: salvare vite umane e proteggere le persone in movimento; Soluzioni di guida allo spostamento; e Facilitare i percorsi per la migrazione regolare.

 

Secondo le stime attuali delle Nazioni Unite, nel mondo ci sono circa 281 milioni di migranti internazionali, pari al 3,6% della popolazione mondiale. Ma un numero crescente di persone viene sfollato, dentro e fuori il proprio Paese di origine, a causa di conflitti, violenza, instabilità politica o economica, nonché del cambiamento climatico e di altri disastri. Nel 2022, nel mondo si contavano 117 milioni di sfollati e 71,2 milioni di sfollati interni. Il numero di richiedenti asilo è passato da 4,1 milioni nel 2020 a 5,4 milioni nel 2022, con un aumento di oltre il 30%.

 

Molte persone sono escluse dai percorsi regolari, come evidenziato nel capitolo 4 di questo rapporto, e talvolta ricorrono a canali irregolari che sono estremamente pericolosi. Questi canali ricevono una notevole attenzione da parte dei media e il loro utilizzo spesso mina la fiducia nella governance e alimenta una narrativa contorta che viene utilizzata come arma in tutto il mondo per guadagni politici a breve termine.

 

Questo rapporto presenta dati e tendenze chiave sulla migrazione globale e regionale, insieme a questioni tematiche rilevanti. Poiché sappiamo che un pubblico specifico, inclusi politici, media, ricercatori, insegnanti e studenti, hanno esigenze diverse quando utilizzano questo rapporto per informare il proprio lavoro, questo Rapporto sulla migrazione mondiale include anche una gamma ampliata di strumenti digitali per contribuire a garantire che possa essere il più utile per il maggior numero possibile di persone.

 

Queste innovazioni continuano una storia gloriosa per il World Migration Report, che ha vinto numerosi premi internazionali. Più importante dei premi, però, è il fatto che il World Migration Report contribuisce al discorso globale sulla migrazione. Questo è sempre il nostro obiettivo: informare il pubblico globale sulla solida base di prove che supporta il nostro lavoro. Confidiamo che i contenuti e gli strumenti contribuiranno a sfatare i miti, a fornire fatti e analisi chiave e a offrire nuove conoscenze sul complesso panorama migratorio. Ci auguriamo inoltre che il Rapporto sulla Migrazione Mondiale ispiri nuove idee su come far parte di un’agenda più ampia, che aiuti a garantire che la migrazione venga sfruttata efficacemente come soluzione per lo sviluppo umano, la pace e la prosperità in tutto il mondo.

 

La frase “La conoscenza è potere” fu usata per la prima volta dai filosofi nel XVI secolo. In quest’epoca di notizie istantanee, cospirazioni sul web e narrazioni politiche sofisticate, è più rilevante che mai. Attraverso questa edizione del World Migration Report, cerchiamo di modellare il dibattito sulla migrazione attorno a dati, fatti e verità: in questo modo possiamo raccontare l’intera storia. 

 

Clicca qui e leggi il Rapporto

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti