testata uilpait  

La violenza sulle donne è un fenomeno mondiale che colpisce indistintamente razze, culture e classi sociali di appartenenza.

È stupro ogni qualvolta la donna dica NO ad un rapporto sessuale non voluto … e non ci sono abbigliamento, scollature, minigonne o stati di alterazione che possano pregiudicare un NO detto!!!

Non è più tempo (SOLO) di parlare di violenza quando si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne;

Non è più tempo (SOLO) di mostrare solidarietà nei confronti delle donne vittime di violenza;

Non è più tempo (SOLO) di onorare le vittime e ricordare  i loro nomi e le loro drammatiche storie;

Non è più tempo (SOLO) di donne che subiscono torture sessuali e stupri come armi da guerra;

Non è più tempo (SOLO) di essere il fanalino di coda nella classifica del World economic forum Gender Gap.

Non è più tempo (SOLO) d’invocare la prevenzione rispetto al fenomeno della violenza e di  parlare di misure precauzionali su come contrastarla, la prevenzione si costruisce su tre punti importanti di socializzazione …. quelli che preparano i nostri figli ad affrontare la vita:

  • la famiglia che ha il compito di educare al rispetto delle differenze di genere e di insegnare a gestire le relazioni affettive correggendole quando queste evidenziano comportamenti distorti. E’ dalla famiglia che scaturiscono l’insegnamento  e il valore dell’indipendenza affettiva, della libertà di scelta e dello spirito di gruppo.
  • Il sistema scolastico (lo sforzo più grande) mediante interventi sui programmi di educazione scolastica che coinvolgano le scuole d’infanzia, le scuole medie gli istituti superiori di secondo grado;
  • i media, non meno importanti, che oggi hanno sempre più influenza sui giovani, perché attraverso di loro si riesce ad arrivare a tutti e purtroppo spesso, a causa dei troppi stereotipi, la donna diventa vittima due volte, del reato e della narrazione …

È SOLO tempo di vedere le parole che si trasformano in fatti! Se tra le donne c’è più consapevolezza è pur vero che  la politica continua ad avere una visione miope e superficiale sulla condizione femminile nel nostro Paese in cui le donne vivono in uno stato di arretratezza  rispetto agli altri paesi europei in termini di diritti e di tutele.

Tutti, nessuno escluso, abbiamo l’obbligo  di contribuire a sradicare i pregiudizi secolari e di contribuire alla diffusione  della cultura della NON VIOLENZA e del RISPETTO della donna.


Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne resta il cambiamento culturale la sfida da perseguire.......

Di seguito le considerazioni fatte in passato ma pur sempre attuali: