testata uilpait  

Comunicato Stampa 31 ottobre 2017 del Segretario confederale della Uil Domenico Proietti e del Segretario generale della UILPA Nicola Turco.

La Uil ribadisce le proprie preoccupazioni sul preannunciato intervento di razionalizzazione organizzativa dell’Agenzia delle Entrate.

Riteniamo inaccettabile che il Governo, a fine legislatura, pensi di ricorrere alla decretazione d’urgenza, nel tentativo di privatizzare la stessa Agenzia. Il Fisco è un settore strategico della Pubblica Amministrazione, al quale si deve garantire   assolutamente   il mantenimento della forma giuridica pubblica.

Traslare il metodo di gestione di   Equitalia   all’ intera Agenzia costituisce un grave errore poiché pretende di omogeneizzare e di equiparare funzioni differenti fra loro come quelle attribuite all’agenzia delle entrate di accertamento e controllo e quelle della riscossione, svolte dall’ex Equitalia. La corretta ed efficiente funzionalità del sistema fiscale costituisce un bene primario della collettività da tutelare attraverso il mantenimento dello status di lavoratore pubblico, regolato dalle vigenti fonti normative e contrattuali.  

L’attuale direttore della agenzia delle entrate, invece di invocare norme speciali cui sottoporre i dipendenti dell’Agenzia delle Entrate, dovrebbe perseguire il fondamentale obiettivo di contrastare il forte fenomeno dell’evasione fiscale propedeutico ad una forte riduzione della pressione fiscale ormai insostenibile.

La UIL è impegnata a confrontarsi con le istituzioni parlamentari e contemporaneamente richiama l’attenzione della cittadinanza su intervento legislativo, che, se realizzato, avrebbe conseguenze devastanti.