-di Pasquino il T….EMP….lare-

Senza se senza forse e senza ma
la nostra è la Costituzione più bella che ce sta
Scritta co’ la penna Tricolore
da chi nella Resistenza buttò er core
Solo che sotto sotto zitto zitto
c’è chi vo’ contesta’ ogni diritto
e dicenno che so’ davvero troppi
comincia a crea’ dumila intoppi
Scola lavoro sicurezza sanità pensioni
Ma che ve sete messi ‘n testa? Fori dai cojoni…
‘Ste aspettative le ponno ave’ solo i cittadini
voi sete sudditi come ar tempo de Mazzini
Solo er clero i nobili e li ricchi potranno anna’ a vota’
e le prerogative loro se le faranno rispetta’
tutti l’artri tornino a fa’ i servi della gleba
co’ la stessa attenzione che se da’ a ‘n’ameba
Quello che ve se ordina l’avete subbito da fa’
e le conquiste de decenni ve le dovete da scorda’
Lotta all’evasione fiscale e servizi pubblici de qualità
so’ pretese che ve dovete fa’ passa’
Libertà de parola de stampa e d’associazione
Libertà de sciopero e de pensiero saranno ‘n’eccezione
riservata all’amichi dell’amichi
che se magneranno tutto e a voi…. la coccia delli fichi
E nun pensate che io stia a scherza’
chè so’ tanti l’infami che ce stanno a prova’
e hanno già cominciato li magheggi
pe’ facce torna’ a esse’ solo greggi
Ma noi che conoscemo bene sia la loro sia la nostra storia
ma noi che c’avemo ‘na bella memoria
semo pronti a riscenne ‘n piazza
contro chi sotto sotto ammazza ammazza
ce vorebbe vede’ morti viventi
e solo loro felici e stracontenti
Er primo passo pe’ difennece da ‘sto schifo marpione
è riscopri l’impegno e la partecipazione
restanno uniti co’ chi la pensa come noi
combattenno insieme contro ‘st’avvoltoi
rialzanno le bandiere della democrazia dei diritti e della libertà
che in troppi ce vonno fa’ ammaina’
ma beccheranno ‘na sonata solenne
si se illudono che ce se possa arrenne
chè li diritti scritti nella Costituzione
nun je li faremo mette’ in discussione.