-di Pasquino il T….EMP….lare

Proprio dentro l’acqua, ar mare,
ho visto uno che cor cellulare
stava a parla’ de robba de lavoro
e urlava infuriato come ‘n toro
Sembrava lo volesse da strozza’ quer poveraccio
che nun trovava nello scartafaccio
un documento der quale nun se poteva da fa’ senza
p’ottene’ un permesso o ‘na licenza
Addirittura a quarche regazzino
corpevole giocanno de fa’ ‘n po’ de casino
mano a ventaglio e l’indice sur naso
come si dalli diavolacci fosse invaso
faceva capi’ che se dovevano sta’ bboni
chè je stavano a rompe lì maroni
Lui stava impegnato stava a lavora’
e nun lo doveveno proprio disturba’
La gente intorno seguiva ‘sta buffa sceneggiata
incuriosita e anche un po’ irritata
da come er tizio se stava a comporta’
fra persone tranquille che stavano a nuota’
mentre lui scambiava er “Lido Micio Micio”
come ‘na filiale privata der suo ufficio
Ma intanto che a voce arta forte imprecava
e tanto colle mani se la gesticolava
‘n cavallone mannato da Nettuno
che s’era stufato de ‘sto cafone inopportuno
co’ ‘na forza da fa’ “nvidia a ‘no tsunami
je fece vola’ er cellulare dalle mani
Fu solo ‘n seconno forse meno
co’ ‘n gusto esagerato quasi osceno
dalla spiaggia e da ‘n mezzo alle onde
‘n’applauso scrosciante e intenso
se diffonde
E frammezzo che quer cocimelova scostumato
guardava la scena assai meravigliato
più er telefonino fra l’acqua lui
cercava
e più er cavallone je lo allontanava
Allora ho pensato che pure ‘sta storiella c’ha ‘na sua morale
che vale pe’ tutta la marmaglia un po’ asociale
In mezzo ai flutti del rinfrescante mare
nun poi scoccia’ er monno urlando puro si preso a lavorare
Stacca la spina e quanno er tempo è afoso
rilassate nun rompe e godite er riposoi