Il 21 dicembre dell’anno scorso lei è stato eletto Segretario provinciale della Uilpa de L’Aquila. Come è maturata la sua elezione?

Da 39 anni di militanza nella UIL. In pratica una vita passata a svolgere l’attività sindacale. In tutto questo tempo ho accumulato esperienza, ho imparato tante cose e ricoperto diversi incarichi sindacali. In virtù di questo lungo percorso i miei compagni del sindacato mi hanno chiesto di impegnarmi in prima persona per un ruolo di grande responsabilità. Pur sapendo quanto sarà impegnativo ho accettato con entusiasmo perché la UIL è casa mia e perché credo nei valori del sindacato. In primis quello della solidarietà.

Quali sono i punti principali del suo programma?

Rispecchia fedelmente quello della Uilpa. Il primo problema da affrontare è la carenza di personale negli uffici pubblici. Una seconda criticità riguarda la digitalizzazione della pubblica amministrazione. A questo proposito mi lasci dire che durante la pandemia tanti dipendenti pubblici ed hanno retto l’Italia lavorando on-line da casa propria e a proprie spese dimostrando grande capacità di adattamento, e un grande senso dello Stato. Solo per questo andrebbero premiati. Il lavoro agile adesso è normato, si tratta di renderlo davvero operativo. Un terzo problema da affrontare riguarda il fatto che dopo due anni di pandemia, peraltro ancora in atto, nella pubblica amministrazione non si sono visti grandi cambiamenti. Infine, un tema su cui concentrarci è quello della formazione se volgiamo davvero modernizzare la macchina dello sato.,

Le prossime elezioni delle RSU si svolgeranno con la pandemia ancora in corso. Questo crea delle difficoltà?

Sì, perché la situazione è anomala. Infatti molti colleghi si trovano a casa in modalità di lavoro agile. Certamente non ci fermiamo. Li raggiungiamo lo stesso tramite i dispositivi digitali, parliamo con loro, cerchiamo di spiegargli che con lo smart working la gestione del piano Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza siamo dinanzi a un tornante nella storia della Pubblica Amministrazione. Perciò la Uilpa deve rafforzarsi nei luoghi di lavoro. Nonostante le difficoltà ce la metteremo tutta.

Roma, 14 febbraio 2022

A cura dell’Ufficio comunicazione Uilpa