Si è aperto in questi giorni il confronto tra le organizzazioni sindacali e le sedi territoriali delle diverse amministrazioni pubbliche per avviare la contrattazione integrativa relativa alle materie previste dal CCNL.

Gli eletti della UILPA nelle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) hanno già raccolto le richieste dei lavoratori per costruire piattaforme di confronto con la dirigenza locale. Gli aumenti e gli arretrati, costituiscono un aspetto decisivo, ma non meno importante sarà dare corpo agli accordi sullo smart working, sulla formazione, sulle progressioni economiche, i permessi retribuiti, l’inclusione delle diversità nei luoghi di lavoro e così via per tante altre materie.

Il nuovo CCNL permette al sindacato di avere un ruolo da protagonista e offre alla contrattazione decentrata larghi spazi di manovra. In questo senso il ruolo delle RSU è davvero strategico. Abbiamo l’occasione di fare della partecipazione una realtà e non solo una bella parola. Dipenderà da noi, dalla nostra capacità di coinvolgere i lavoratori, di rappresentarli al meglio, di ottenere risultati concreti.

Vorrei concludere ricordando che la UILPA si batte per i diritti dei lavoratori allo scopo di migliorare la qualità dei processi produttivi e, di conseguenza, la qualità dei servizi resi all’utenza. Svolgiamo l’attività sindacale per il bene dei lavoratori, dei cittadini e del Paese. Ci sobbarchiamo questo compito perché crediamo che una Pubblica Amministrazione davvero efficace e davvero efficiente sia un bene comune, un bene per tutta la società italiana.

Auguro buon lavoro ai delegati RSU e ai nostri rappresentanti territoriali.

Sandro Colombi, Segretario generale UIL Pubblica Amministrazione

Roma, 16 settembre 2022