La semplificazione dei controlli sulle imprese, definita nel Pnrr in termini di "eliminazione delle duplicazioni e delle interferenze tra le diverse tipologie di ispezioni", rappresenta un tema strategico per il Governo, concorrendo al perseguimento di numerosi obiettivi:

- la riduzione degli oneri amministrativi e regolatori gravanti sulle imprese, in particolare sulle piccole e medie imprese;
- l’aumento del livello di trasparenza dell’azione amministrativa;
- la riduzione del livello di corruzione;
- l’instaurazione di un clima favorevole alla competitività delle imprese e allo sviluppo del territorio.

Per tale ragione, il Dipartimento della Funzione pubblica ha avviato una serie di azioni di semplificazione e razionalizzazione del sistema dei controlli sulle imprese che puntano a:

- facilitare l’individuazione e la conoscenza, da parte delle imprese, degli obblighi e degli adempimenti oggetto delle attività di controllo;
- rafforzare la tutela degli interessi pubblici attraverso la prevenzione, la promozione e l’informazione sul corretto comportamento da osservare;
- favorire l’adozione di strumenti, anche informatici, che possano supportare le autorità responsabili a migliorare la programmazione dei controlli in osservanza del principio di proporzionalità al rischio.

Per la concreta realizzazione di questi obiettivi, sono già stati attivati diversi strumenti: l’Agenda per la semplificazione 2020-2023, il Programma Ue Technical Support Instrument (TSI) e la delega a razionalizzare la disciplina contenuta nel disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021.

Nell’ambito del Programma TSI, in particolare, il Dipartimento ha ottenuto il supporto della Commissione europea per la realizzazione del progetto “Riforma dei controlli in Italia a livello nazionale e regionale” che, in continuità con il progetto  “RAC – Rating Audit Control: Costruzione di un modello per razionalizzare e semplificare i controlli sulle imprese” (finanziato tra il 2019 e il 2021), opera per diffondere, anche a livello territoriale, i principi e gli strumenti necessari ad assicurare controlli semplici, proporzionali al rischio e orientati alla legalità sostanziale.

Mercoledì 11 maggio 2022, dalle ore 11 alle ore 13.30, si terrà un incontro, promosso dal Dipartimento della Funzione pubblica e dall’Ocse, dal titolo “Come rafforzare l’efficacia dei controlli sulle attività economiche”, che vedrà un indirizzo di saluto da parte del Ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e, tra gli altri interventi, quello di Marcella Panucci (Capo di Gabinetto del Ministro per la Pubblica Amministrazione), Mario Nava (Direttore della DG per il Sostegno alle Riforme Strutturali della Commissione europea) e Nikolai Malyshev (Direttore della Regulatory Policy Division dell’Ocse).

L’evento, oltre che per la presentazione del progetto “Riforma dei controlli in Italia a livello nazionale e regionale”, sarà l’occasione per fare il punto sul tema e condividere, con le diverse amministrazioni centrali e territoriali coinvolte, gli strumenti da mettere in campo per una ormai improcrastinabile semplificazione delle attività di enforcement della regolazione.