uilpa logo testataiscriviti alla uilpa

-di Pasquino il T…EMP….lare-

Io so’ convinto che da che monno è monno,
è ‘na certezza, e giuro che nun me confonno,
che ce deve da esse’ rispetto pe’ le donne
siano regazze, signore, mamme o nonne
Invece, ce lo dice sia la storia sia er presente,
che c’è ‘na specie de razzaccia delinquente
che pure se infame e senza ‘na punta de vergogna
riesce troppo spesso ad evita’ la gogna
Quasi ogni santo giorno, come ‘no stillicidio,
leggemo de mille violenze e d’un femminicidio
senza che il dovere der rispetto
entri nella testa de quarche essere abietto
Ed è proprio pe’ impara’ la vera cultura
dovemo da affronta’ ‘na strada lunga e dura
che passa prima pe’ la famija e pe’ la scola
che spesso lassano la vittima abbandonata e sola,
a parti’ da quanno le prime bravate
so’ accompagnate da complici risate
invece de comincia’ ‘n discorso
pe’ spiega’ e fa’ cresce’
chi de considera’ li diritti de tutti nun riesce
chi se crede superiore nell’illusione de sentisse forte
mentre nun vede quanto so’ distorte
quelle idee che ballano nelle capocce vote
cresciute alla scola di ideologie idiote
che proprio come l’ommini primitivi
d’ogni curtura so’ totalmente privi
E nun le spacciate, ve prego, pe’ banalità …
perché so’ crimini contro l’umanità
E tu aricordate che si avvicini la mano a un viso femminile
fallo dorcemrnte e in modo civile
solo pe’ ‘na carezza e che se capisca che tu la rispetti
e aspetta sempre er segno… che lei l’accetti