uilpa logo testataiscriviti alla uilpa

È un costo complessivo compreso tra gli 81 e i 99 miliardi di euro, in pratica la metà del Piano nazionale di ripresa e resilienza, quello che l’Italia potrebbe essere costretta a sostenere a causa della perdita dei servizi ecosistemici dovuta al consumo di suolo tra il 2012 e il 2030.

È la situazione attuale e quella futura analizzata dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente nell’edizione 2021 del Rapporto sul “Consumo di Suolo in Italia”.

Se la velocità di copertura artificiale rimanesse quella di 2 mq al secondo registrata nel 2020 i danni costerebbero cari e non solo in termini economici. Dal 2012 ad oggi il suolo non ha potuto garantire la fornitura di 4 milioni e 155 mila quintali di prodotti agricoli, l’infiltrazione di oltre 360 milioni di metri cubi di acqua piovana (che ora scorrono in superficie aumentando la pericolosità idraulica dei nostri territori) e lo stoccaggio di quasi tre milioni di tonnellate di carbonio, l’equivalente di oltre un milione di macchine in più circolanti nello stesso periodo per un totale di più di 90 miliardi di km. In altre parole due milioni di volte il giro della terra.

» LEGGI IL COMUNICATO STAMPA

Rapporto; Dati principali a livello regionale, provinciale e comunale e Schede di dettaglio sui dati regionali

Comunicato stampa e infografiche della conferenza stampa "Neanche la pandemia ferma il consumo di suolo. Speciale Roma e Milano"

Video "Neanche il Covid ferma il consumo di suolo. Speciale Roma e Milano"

Visualizza la cartografia e i dati principali

Scarica la cartografia e i dati completi

Video della presentazione del rapporto