testata uilpait  

Grande risalto sulla stampa nazionale per la lettera inviata ieri dalla Uilpa al Ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno. Ma non solo. Le moltissime manifestazioni di consenso ricevute per questa iniziativa da parte dei nostri iscritti e quadri sindacali nonché da parte di lavoratori e cittadini ci hanno riempito di grande soddisfazione e ci hanno dato la percezione forte e nitida di essere sulla strada giusta. Noi raccontiamo la verità e continueremo a farlo perché il nostro obiettivo è quello di far convergere l’interesse della Politica sulla necessità di assumere delle iniziative serie per risollevare le sorti della macchina pubblica prima che sia troppo tardi per tornare indietro. Proseguiremo su questa strada, sollecitando il confronto su tutte le questioni che riguardano la Pubblica Amministrazione. 
Sul punto il pensiero del Segretario Generale della Uilpa Nicola Turco: “La politica non può ignorare o confutare dati di fatto oggettivi e inopinabili, noi saremo sempre pronti a metterli a nudo proponendo soluzioni diverse e alternative con la forza delle idee e dell’onestà intellettuale che ci contraddistingue. E soprattutto grazie alla forza che ci infondete tutti! Colgo l’occasione per rinnovare a tutti voi ed alle vostre famiglie i miei più sinceri auguri di Buona Pasqua”. 
Di seguito pubblichiamo i rilanci delle più importanti agenzie di stampa nazionali.  
PA: UILPA A BONGIORNO, COME BRUNETTA E MADIA DEMONIZZA DIPENDENTI = Roma, 18 apr. (AdnKronos) - Il ministro delle Pa Giulia Bongiorno "sta demonizzando i pubblici dipendenti invece di puntare alla valorizzazione della loro professionalità", proprio come Brunetta e come Madia. Così il segretario generale della Uilpa, Nicola Turco, in una lettera inviata al ministro della Funzione pubblica alla luce della volontà di introdurre "nuovi ed invasivi strumenti di rilevazione delle presenze che non soltanto offendono la dignità dei lavoratori della Pa ma ne ledono lo stesso senso di appartenenza". E avverte:" noi non arretreremo di un millimetro dall'idea che questo Paese ha il dovere di sviluppare una politica di rinnovamento della macchina pubblica, per la quale sono necessari dei seri investimenti. Analogamente, dovranno prevedersi interventi non ulteriormente procrastinabili, quali l'eliminazione degli odiosi vincoli per la costituzione dei fondi previsti dalla contrattazione, risorse per la riqualificazione del personale ed introduzione di un nuovo modello professionale ed ancora soldi veri per i rinnovi dei contratti, per i quali si dovrà tenere conto del salto di ben due tornate contrattuali. Le politiche per il rinnovamento ed il miglioramento della qualità dei servizi della Pa non possono identificarsi nell'istituzione di un ulteriore Nucleo che, oltre a generare notevoli costi, è destinato soltanto a reiterare l'esperienza fallimentare di altri Organismi similari". E ancora: "l'idea di tornare a svilire la contrattazione per ricondurre sotto l'egida della legge le varie materie che riguardano il rapporto di pubblico impiego e l'organizzazione del lavoro, che Lei propone nel Ddl ''Concretezza'' non funziona. L'abbiamo già sperimentata ed i frutti del decisionismo unilaterale di questi ultimi dieci anni sono stati devastanti ed hanno ridotto la macchina pubblica a brandelli", dice invitando Bongiorno a "leggere questa lettera senza pregiudizio alcuno". (Tes/AdnKronos) 18-APR-19 17:23 
UILPA, NUOVI STRUMENTI RILEVAZIONE LEDONO DIGNITA' DIPENDENTI = Roma, 18 apr. (Labitalia) - "Caro Ministro, ho deciso di scriverLe questa lettera aperta a seguito della Sua volontà di introdurre, nel nostro settore, nuovi ed invasivi strumenti di rilevazione delle presenze che non soltanto offendono la dignità dei lavoratori della pa ma ne ledono lo stesso senso di appartenenza. Chi Le scrive ha l'onore di rappresentare tanti lavoratori del pubblico impiego, che si sentono fortemente indignati e feriti nell'orgoglio ovvero quello stesso sentimento in virtù del quale, nonostante il peso dei sacrifici economici sopportati e dei carichi di lavoro enormi, riescono comunque ad assicurare quotidianamente la funzionalità degli uffici e l'erogazione dei servizi al cittadino. Ma non solo". Così il segretario generale della Uilpa, Nicola Turco, in una lettera inviata al ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno. "Lei -si legge ancora nella lettera aperta- si è insediata nel nuovo ruolo di ministro della Pubblica Amministrazione affermando di voler operare in discontinuità rispetto al passato e di non voler legare il suo nome ad alcuna riforma e invece, in assoluta continuità con i suoi predecessori che hanno legato i propri nomi a delle pseudo riforme, ella sta demonizzando i pubblici dipendenti invece di puntare alla valorizzazione della loro professionalità". "Proprio -aggiunge- come Brunetta, che si è identificato nella battaglia contro la malattia, e come la Madia, che ha affrancato il licenziamento in 48 ore, anche Lei vuole riformare senza innovare, soltanto ricorrendo alla 'criminalizzazione' dei lavoratori pubblici mediante l'introduzione della rilevazione biometrica della presenza. In poche parole, i lavoratori pubblici -sottolinea- verranno schedati come i delinquenti comuni all'atto dell'arresto". (Pal/Labitalia) 18-APR-19 18:19