Soddisfazione viene espressa dal segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo Alfonso Farruggia in merito alle nuove attrezzature che, presso il Porto di Palermo, garantiranno i controlli dell’Agenzia delle Dogane sui passeggeri in arrivo e partenza per Tunisi. La dotazione di strumenti di controllo efficaci a tutelare sia i lavoratori doganali che i viaggiatori è una precisa richiesta che la Uil Pubblica Amministrazione aveva rivolto all’Autorità portuale nei mesi scorsi, a seguito dei tragici fatti legati al terrorismo verificatisi a Tunisi e alle conseguenti richieste del personale dell’Agenzia delle Dogane, che nell’occasione aveva lanciato l’allarme sicurezza.

“Il presidente Vincenzo Cannatella – spiega Farruggia – ha accolto la nostra istanza, potenziando il livello delle attività ispettive : il sindacato esprime particolare apprezzamento per la sistemazione, presso i moli, di strutture coperte dove svolgere i controlli sui passeggeri e sulle merci, colmando così le gravi lacune che, anche in termini di privacy, caratterizzavano il transito di persone e bagagli”. “La UILPA non vuole certo creare allarmismi né fomentare pregiudizi – precisa il segretario – tuttavia è innegabile che il rischio terrorismo esista, ed è doveroso migliorare le condizioni infrastrutturali del porto della quinta città d’Italia, che sorge peraltro in una posizione nevralgica nel Mediterraneo”.