Beni Culturali: a seguito della dichiarazione dello stato di agitazione nazionale proclamato dalle OO.SS. e della mobilitazione dei lavoratori del MiBAC il ministro Bray, anche se in ritardo, convoca i sindacati.

I lavoratori del MiBAC continuano la mobilitazione. Anche ieri si sono riuniti in apposite assemblee per chiedere la riorganizzazione di un settore, come quello dei beni culturali, da troppo tempo lasciato alla deriva e oggetto di tagli che hanno interessato i capitoli di spesa con ripercussioni anche sulla dotazione organica. Il ministro Massimo Bray ha risposto convocando i sindacati per l’8 luglio prossimo.

In allegato il comunicato congiunto FP-Cgil Cisl-Fp Uil-Pa Confsal-Unsa Ugl-Intesa