Gli Esecutivi Unitari di CGIL, CISL e UIL hanno indetto per la mattina del 22 giugno 2013 - al termine della mobilitazione territoriale - una grande manifestazione nazionale unitaria che si svolgerà a Roma, in piazza San Giovanni in Laterano, sui temi del lavoro nella sua accezione più ampia, del contrasto alla povertà, della riforma dell’IMU, della riduzione dei costi della politica, ecc. –

Come categoria del pubblico impiego, la UIL PA invita tutti i quadri sindacali, gli iscritti ed i simpatizzanti ad assicurare una massiccia partecipazione. Il momento di estrema criticità economico-politico-sociale che stiamo vivendo impone una forte sollecitazione: le forze politiche e le istituzioni preposte alla tutela della democrazia, del lavoro, del welfare, dell’equità sociale devono accelerare decisioni ed iniziative che assicurino tempestivi interventi per la ripresa dell’economia, per il contrasto a povertà e disoccupazione, per il rilancio del nostro Paese nella direttrice obbligata SVILUPPO-COESIONE-COMPETITIVITA’.

Urgono provvedimenti per la salvaguardia delle fasce più deboli della popolazione, per la salvaguardia dei lavoratori e dei loro diritti, sanciti dalla Costituzione, e per il recupero delle risorse nascoste nelle pieghe del bilancio dello Stato con le quali si continuano a finanziare sprechi e spese ingiustificate.    

L’EFFICIENZA dello Stato deve risorgere dalle ceneri dell’INEFFICIENZA, della DISSIPAZIONE, della CORRUZIONE.

Lo SPERPERO deve far posto ad una vera revisione della spesa, che nulla ha a che vedere con la “spending review” del Prof. Monti e con la ottusa politica dei tagli lineari che, al di là di ogni prospettiva di razionalizzazione, hanno massacrato la Pubblica Amministrazione a colpi di “accetta”.

La CRISI la stanno pagando i lavoratori, i cittadini-utenti, le classi sociali medio-basse. E il CALO DEI CONSUMI ne è la diretta conseguenza, innescando un meccanismo a spirale che si ripercuote sui MERCATI e sull’ECONOMIA tutta. Nuove classi di poveri, disoccupazione giovanile e non solo, perdita del potere d’acquisto sono fattori che determinano lo stallo dei mercati e la chiusura di aziende e piccoli imprenditori, con ripercussioni gravissime anche sull’occupazione nel mondo del lavoro privato. Un circolo vizioso che si chiude intorno alla parola LAVORO!

Vi aspettiamo per un momento di grande mobilitazione unitaria di lavoratrici e di lavoratori, di disoccupati e di pensionati, di giovani, di studenti, di genitori, di CITTADINI TUTTI!

 Il tempo è scaduto!

 

In allegato il manifesto, il volantino unitario e la nota UILPA ai Coordinatori generali.