testata uilpait  

 

ANCORA UNA VOLTA SI RICORRE AL TAGLIO DEGLI ORGANICI, IN MODO LINEARE

Si potrebbe dire, al termine dell'incontro con il Governo, che la montagna ha partorito il solito, vecchio e sfruttato topolino ripetendo un clichè oramai più che abusato, sperimentato da governi di vario colore politico e ora fatto proprio dal governo dei tecnici.

Infatti, delle annunciate misure l'unica cosa certa per ora è il taglio lineare del 20% delle dotazioni organiche del personale dirigenziale e del 10% del restante personale.

Cosa che comincerà ad incidere gravemente sulla funzionalità dei servizi, senza alcuna programmazione e attenzione alla qualità ed efficienza della P.A., al di là di generiche affermazioni sulla selettività dei tagli.

Si fa inoltre riferimento in modo generico all'attuazione di processi di mobilità obbligatoria ed a prepensionamenti in caso di accertate situazioni di esubero.

Ci si accanisce, insomma, su una categoria di lavoratori già fortemente penalizzata dalle manovre economiche degli ultimi cinque anni e che ha già visto calare il potere d'acquisto delle proprie retribuzioni di oltre il 30%.

A fronte di tutto ciò in materia di lotta agli sprechi si prevede una irrisoria riduzione del 20% della spesa per consulenze, rispetto a quella sostenuta nel 2009.

Davvero poco se consideriamo che questa voce costa più di due miliardi e mezzo l'anno ed è fonte, spesso, di clientele e malcostume, come più volte denunciato dalla stessa Corte dei Conti.

La fumosità e genericità degli argomenti trattati non ci consente, al momento, di effettuare una analisi puntuale dei provvedimenti che saranno predisposti.

Continueremo dunque a seguire l'evolversi della situazione con la massima attenzione per essere pronti, all'occorrenza ad adottare tutte le iniziative necessarie per difendere i diritti dei lavoratori pubblici e l'interesse della cittadinanza per una pubblica amministrazione efficiente e di qualità.

Ciò anche con riferimento alle posizioni di chiusura del Ministro Patroni Griffi rispetto all'attuazione dei contenuti dell'intesa del 3 maggio scorso sul lavoro pubblico.

Alleghiamo comunicato stampa unitario CGIL-CISL-UIL categorie pubblico impiego e scuola.

Allegati:
Scarica questo file (comunicato-unitario.pdf)comunicato-unitario.pdf13 kB