testata uilpait  

PARTE LA MOBILITAZIONE. I Segretari generali di CIGL, CISL  e UIL  chiedono un urgente incontro al Governo per avviare il confronto sugli interventi che l’Esecutivo intende adottare in materia di spending review e di pubblico impiego.  Le nostre organizzazioni sindacali ritengono improcrastinabile l’avvio di un serio e costruttivo dibattito con le parti sociali in ordine a interventi che impattano in maniera significativa sul mondo del lavoro e sui quali si chiede coerenza con quanto concordato con i Sindacati.

 

Gli impegni assunti con la recente intesa sul lavoro pubblico rimangono ancora disattesi.  Gli imprescindibili punti di partenza sono: riduzione degli sprechi, eliminazione delle duplicazione di funzioni, drastico abbattimento di consulenze e prebende a vario titolo erogate.  Ci ritroviamo, invece, alla vigilia di un ennesimo, grave, pesante attacco ai lavoratori pubblici. CGIL, CISL E  UIL contrasteranno le misure ingiuste, inique e penalizzanti per i pubblici dipendenti con proposte serie e incisive e con la mobilitazione dei lavoratori.

 

I Segretari generali di FP CGIL, CISL FP, UIL FPL e UIL PA hanno sottoscritto una nota congiunta a tutte le strutture, confermando la necessità di dare vita ad una intensa mobilitazione delle categorie del Pubblico Impiego, a partire dai posti di lavoro e dai territori fino a livello nazionale. Tutte le strutture sono chiamate ad uno sforzo straordinario di informazione, sensibilizzazione e mobilitazione mettendo in atto tutte le forme di lotta, tutela e denuncia che si rendano necessarie per dare forza alla nostra azione sindacale unitaria.

 

In allegato la nota congiunta, a firma dei Segretari generali Camusso, Bonanni e Angeletti, concernente la richiesta d’incontro con il Prof. Monti alla presenza dei Ministri interessati (Economia, Pubblica Amministrazione e Rapporti con il Parlamento),  la nota congiunta a tutte le strutture a firma dei Segretari generali Dettori, Faverin, Torluccio e Attili e il comunicato stampa unitario di CGIL, CISL e UIL.