I centri di ascolto mobbing e stalking della UIL accolgono con favore l’apertura del dibattito sulla legge sul mobbing.

Rimaniamo consapevoli che la legge non debba far riferimento al codice penale del reato di atti vessatori in abito lavorativo.

Ricordando che il primo disegno di legge è stato fatto da Giorgio Benvenuto.

Roma, 17 ottobre 2014