Banner

L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale

Quanto influisce il “capitalismo flessibile” sulle concrete esperienze di vita delle persone?

Flessibilità, mobilità, rischio sono le nuove categorie di vita contemporanee. Finisce l’assistenzialismo, la burocrazia si riduce, l’economia si fa più dinamica e spregiudicata, e la vita personale ne risente.

Non esistono più stabilità e fedeltà all’azienda, forza del vecchio capitalismo; ora valgono incertezza, perenne innovazione e maggiori, seppur diverse, forme di potere e controllo e diseguaglianze. Tutto questo ha conseguenze importanti nell’autostima dei lavoratori: il senso di fallimento per l’incapacità di rispondere adeguatamente alle nuove sfide erode progressivamente l’integrità dell’io.

Si manifesta una sempre crescente distorsione del carattere, i cui requisiti di stabilità, durata e permanenza sono in contrasto con la dinamicità, frammentarietà e mutevolezza del capitalismo flessibile. Lo si vede nei casi, narrati da Sennett, di Rico, figlio “arrivato” di immigrati italiani negli Stati Uniti, o di Rose, un’intelligente e insoddisfatta imprenditrice di mezza età… O dei fornai di un’ipertecnologica panetteria di Boston.

E di molti altri come loro, protagonisti di questo drammatico affresco delle micro-realtà quotidiane che sono il prodotto del nuovo capitalismo.

 

Autore: Richard Sennett

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica. Saggi

In commercio dal: 2016

Pagine: 158 p

 

 

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti