Banner

Lavoro di qualità e contrattazione collettiva devono essere al centro del FMI e della Banca Mondiale

Le riunioni di primavera del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Mondiale si sono svolte sotto le nuvole scure della guerra e della pandemia.

Con il mondo del lavoro e la cooperazione multilaterale in uno stato profondamente compromesso, i sindacati chiedono un approccio globale alla ricostruzione da parte delle istituzioni finanziarie internazionali (IFI), con politiche che promuovano la contrattazione collettiva, sindacati forti e posti di lavoro di qualità che contribuiscano a un’economia globale sana, attenta e sostenibile.
Il FMI ha abbassato le sue previsioni per la crescita economica globale e ha previsto che l’occupazione globale rimarrà al di sotto dei livelli pre-pandemia fino al 2024.
 La pandemia ha spinto milioni di persone nella povertà e ha portato a una diffusa perdita di posti di lavoro e alla fame; ce ne saranno ancora di più con l’invasione russa dell’Ucraina che si riverbera sui mercati alimentari ed energetici mondiali.

Minato da anni di politiche fallimentari, il multilateralismo si è dimostrato debole di fronte al COVID-19 e ha permesso l’aggravamento della disuguaglianza tra i paesi e al loro interno, lasciando indietro milioni di lavoratori. Ultimamente l’aggressione russa ha ulteriormente danneggiato il debole ordine economico multilaterale che è incapace di solidarietà e coordinamento sulla scala necessaria, con il consenso bloccato in riunioni chiave questa settimana.

“Ci sono stati dei punti positivi alle IFI, compreso il sostegno all’Ucraina e ai suoi vicini, la lotta contro la fame e il COVID-19, e la storica assegnazione dei diritti speciali di prelievo del FMI. Il nuovo FMI Resilience and Sustainability Trust reindirizzerà questi diritti speciali di prelievo ai paesi emergenti e in via di sviluppo, aiutandoli a prevenire future crisi legate al clima e alla salute. Per avere successo, tutte le operazioni delle IFI dovrebbero prendere pienamente in considerazione l’obiettivo di sviluppo sostenibile 8, tra cui la piena occupazione, il dialogo sociale e i diritti dei lavoratori, tutti elementi che promuovono la pace e la prosperità dalle fondamenta”, ha detto la Segretaria Generale dell’ITUC Sharan Burrow.

In una dichiarazione alle riunioni di primavera, le Global Unions hanno denunciato il tentativo di far rivivere il famigerato indicatore del lavoro dell’indice Doing Business attraverso il rapporto ribattezzato Business Enabling Environment. Il movimento sindacale internazionale ha chiesto alle IFI di basarsi sulle ricerche che dimostrano che i sindacati, la contrattazione collettiva e una regolamentazione equilibrata del lavoro riducono la disuguaglianza. I precedenti incontri delle IFI hanno messo in guardia dai pericoli di una ripresa diseguale, con i paesi emergenti e quelli in via di sviluppo che devono affrontare un divario di stimoli fiscali. Ora le pressioni inflazionistiche radicate nelle interruzioni della catena di approvvigionamento da COVID-19 e dalla guerra in Ucraina potrebbero portare le Banche Centrali ad aumentare i tassi di interesse troppo rapidamente e i governi a rimuovere il sostegno fiscale nonostante i rinnovati shock alle famiglie.

L’austerità e la politica monetaria troppo restrittiva annullerebbero la possibilità di ripresa economica e occupazionale e metterebbero i paesi in via di sviluppo altamente indebitati in una posizione impossibile. I costi del servizio del debito aumenterebbero, togliendo ancora di più alla protezione sociale, allo stimolo fiscale, alla risposta alla crisi e agli investimenti pubblici per proteggere e creare posti di lavoro. Senza un meccanismo internazionale vincolante per rinegoziare il debito sovrano e il sostegno internazionale, come un fondo globale di protezione sociale, i paesi in via di sviluppo rimarranno con poche opzioni.

Nel 1944 la prima parte della Banca Mondiale fu formata nel bel mezzo della guerra. La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo aveva il compito di “incoraggiare gli investimenti internazionali per lo sviluppo delle risorse produttive dei membri, aiutando così ad aumentare la produttività, il livello di vita e le condizioni di lavoro nei loro territori”. “Oggi, le soluzioni sono pronte sia per la ricostruzione che per lo sviluppo con standard di vita più alti e vite migliori per i lavoratori. Le IFI dovrebbero fare passi coraggiosi per promuovere e rispettare la contrattazione collettiva, gli investimenti pubblici, i salari più alti e la politica industriale sostenibile. Il dialogo sociale dovrebbe guidare la progettazione dei programmi e delle strategie di prestito, specialmente per quanto riguarda la giusta transizione e i posti di lavoro. Questo pagherà dividendi per la pace, la crescita economica sostenibile e la stabilità, invertendo le terribili tendenze di disuguaglianza, povertà e la quota di reddito in calo dei lavoratori. Azioni come spingere la deregolamentazione del mercato del lavoro, come proposto nel rapporto della Banca Mondiale “Business Enabling Environment”, andranno nella direzione sbagliata. Ora è il momento di riformare e ricostruire il multilateralismo e costruire insieme un nuovo contratto sociale”, ha concluso Sharan Burrow.

 

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti