Banner

Il Frosinone non spezza la maledizione e torna in Serie B

Dopo la matematica retrocessione nelle scorse giornate di Serie A di Salernitana e Sassuolo, la serata di ieri ha decretato l’ultima squadra a tornare nel campionato cadetto, il Frosinone.

 

Continua la maledizione che non ha mai fatto giocare questa squadra per due anni consecutivi in Serie A. È capitato nel 2016, poi nel 2019 e ora quest’anno. La sconfitta dei Canarini al Benito Stirpe contro l’Udinese e contemporaneamente la vittoria dell’Empoli contro la Roma nei minuti di recupero, l’hanno condannata a un’amara retrocessione.

 

Lo stadio era colmo di tifosi carichi di aspettative e di speranze che dopo la traversa su punizione di Soulé e il momentaneo pareggio dell’Empoli sembravano sempre più concrete.

 

Poi il declino totale. Negli ultimi 20 minuti i friulani passano in vantaggio al primo tiro in porta dopo che il portiere Okoye aveva chiuso la saracinesca sui ripetuti tentativi dei gialloblù.

 

Il gol taglia le gambe ai ciociari che provano fino all’ultimo a salvarsi ma sono costretti ad arrendersi al tempo. Scadono i minuti di recupero e i giocatori crollano a terra in lacrime dopo aver saputo il risultato al Castellani di Empoli.

 

Il Frosinone è in Serie B. Una delle rivelazioni della prima parte di stagione retrocede nell’ultimo match disponibile con il 50% di possibilità. Anzi, avendo a disposizione addirittura due risultati su tre. Purtroppo, nemmeno quest’anno la maledizione è stata spezzata.

 

 

Luca Colafrancesco

Roma 27 maggio 2024

 

 

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti