testata uilpait  

Cerca

- Furbetti del cartellino. Usa 34 volte il badge della collega. Il Gip di Napoli dispone gli arresti domiciliari, il tribunale del riesame sostituisce la misura con l'obbligo di presentazione alla p.g.-sent. 34942.17-dep- 6-7-17- www.sugamele.it

- Rabbia incontrollata al telefono contro la ex: scatta il reato di minaccia-commento Cass., V sez. pen., sent. 32368/2017- www.studiocataldi.it

- Rabbia incontrollata al telefono contro la ex: scatta il reato di minaccia-testo Cass., V sez. pen., sent. 32368/2017- www.studiocataldi.it

- Donna uccisa dal marito in tribunale: lo Stato risarcisce per il metal detector fuori uso-commento Cass., III civile, sent. n. 16508/2017- www.studiocataldi.it

- Donna uccisa dal marito in tribunale: lo Stato risarcisce per il metal detector fuori uso-testo Cass., III civile, sent. n. 16508/2017- www.studiocataldi.it

- La responsabilità penale per la mancata verifica sulla sicurezza della scuola materna comunale ricade direttamente sul sindaco, se questo non dimostra di avere correttamente delegato il dirigente comunale nel suo ruolo di responsabile del servizio scuole .-sent. cass. depos. 5-7-17- www.sugamele.it

- 6 mesi di condotte vessatorie integrano il reato di maltrattamenti in famiglia.insieme alla gratuità delle aggressioni fisiche e verbali imposte alla vittima.Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 13 aprile – 6 luglio 2017, n. 32951- www.avvocatopenalista.org

- La maestra sottopone l'alunna a sistematiche violenze fisiche e psicologiche, lanciandole contro oggetti, tirandole i capelli picchiandola sul viso o sul collo, punzecchiandola con la punta di una matita, facendole battere la testa contro superfici dure e spigolose nonché mortificandola in maniera plateale, davanti a tutta la classe, durante le interrogazioni.Violenza, sistematica e costante, messa in atto dall’insegnante di una scuola primaria in danno dell’alunna. Non si tratta di abuso dei mezzi di correzione e disciplina ma di maltrattamenti.Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 30 maggio – 30 giugno, n. 31717- www.avvocatopenalista.org