testata uilpait  

Cerca

- L’indennità per ferie non godute è assoggettabile a contribuzione previdenziale-Corte di Cassazione, Sezione 6 civile, Ordinanza 26 marzo 2015, n. 6189- www.101professionisti.it

- Il verbale assembleare può essere anche redatto (e modificato) dopo la chiusura della riunione condominiale-Corte di Cassazione, Sezione 2 civile, Sentenza 31 marzo 2015, n. 6552- www.101professionisti.it

- Ricorso in Cassazione: la parte che intende ricorrere ha l'onere di produrre copia autentica della sentenza insieme alla relata di notifica.Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 27 novembre 2014 – 31 marzo 2015, n. 6434- www.avvocatocivilista.net

- Equitalia può notificare la cartella esattoriale anche tramite raccomandata con avviso di ricevimento.Sentenza Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 20 gennaio – 24 marzo 2015, n. 5898- www.lalegge.org

- Riduzione di disposizioni testamentarie lesive.Sentenza Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 22 gennaio – 1 aprile 2015, n. 6636- www.eredita.biz

- Il trasferimento del magistrato, disposto in via cautelare dalla sezione disciplinare del CSM, non si pone in contrasto con la l. n. 104/1992, in materia di assistenza alle persone disabili - che attribuisce al lavoratore che assiste un parente invalido il diritto alla scelta del luogo di lavoro - in quanto in tal caso prevalgono le esigenze di tutela del prestigio dell’istituzione giudiziaria.Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza 13 gennaio – 7 aprile, n. 6917- www.avvocatocassazionista.it

- Nasconde alla moglie di essere infertile e alcolizzato. Questi comportamenti dell’uomo hanno minato alle fondamenta il rapporto coniugale. Consequenziale l’addebito al marito per la separazione tra i coniugi.Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 22 gennaio – 9 aprile 2015, n. 7132- www.divorzista.org

- L’obbligatorietà della mediazione dipende dalla natura della causa, non dal rito scelto dalle parti.Sentenza Tribunale di Torino, sez. III Civile, ordinanza 20 – 23 marzo 2015- www.avvocatocivilista.net

- In tema di addebito della separazione personale, l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge responsabile.Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 17 febbraio – 8 aprile 2015, n. 7057- www.divorzista.org

- Lui maresciallo della finanza con uno stipendio di 2.050 euro. Lei lavora in un call center. Tra affitto per la nuova casa, mutuo e pagamento all'uomo restano 300 euro. Impossibile vivere con questa cifra. La Corte Suprema cassa con rinvio.Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 17 febbraio – 8 aprile 2015, n. 7053- www.divorzista.org