Banner

Bombardieri. Il Governo non coglie il rischio di un ulteriore declino

Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale UIL

L’Esecutivo nazionale della UIL ha confermato la linea definita dal Consiglio confederale svoltosi la scorsa settimana: per la nostra Organizzazione è necessario indire la mobilitazione con scioperi su base territoriale, anche per raccogliere e coagulare tutte le istanze espresse a livello provinciale e regionale.

 

La manovra economica varata dal Governo stanzia risorse insufficienti per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego e non adotta soluzioni che favoriscano la conclusione di quelli del settore privato; non assume provvedimenti in materia di precarietà e di sicurezza sul lavoro; non investe sulla sanità; non dà risposte sulle future pensioni dei giovani né sul tema dell’autosufficienza e non ripristina le condizioni originarie di opzione donna; non affronta la questione dell’evasione fiscale e non recupera nessuna risorsa dall’extratassa sugli extraprofitti; non si occupa di transizione energetica e non definisce politiche industriali e per lo sviluppo; non riduce le disuguaglianze e non ha alcun respiro sociale.

 

A questo punto, dunque, falliti tutti i tentativi di dialogo, non resta che la mobilitazione delle lavoratrici, dei lavoratori, dei pensionati, dei giovani per chiedere un’inversione di rotta nella politica economica e sociale del Governo e delle Istituzioni locali. Il prossimo futuro potrebbe presentarci un conto ancor più salato, soprattutto per i percettori di redditi fissi, per i precari, i giovani e gli anziani.

 

Servono, dunque, provvedimenti forti e coraggiosi in grado di far fronte al rischio di un ulteriore declino: il Governo sembra non cogliere questa emergenza, proveranno le persone in difficoltà a fargliela comprendere dalle piazze.

Sito realizzato
dall’
Ufficio comunicazione UILPA

Contatore siti