Il Primo Maggio, celebriamo sia i lavoratori del servizio pubblico che di fronte alla pandemia da Covid-19 si sono dimostrati più essenziali che mai, sia tutti coloro che servono le nostre comunità e costruiscono l'economia reale. È da questo terreno fertile che l'economia post-pandemia deve fiorire, con i diritti dei lavoratori al suo centro, non dall'avidità aziendale o dalla speculazione finanziaria.

 

"In questo Primo Maggio 2021, vogliamo sottolineare che riaffermare l'impegno del movimento sindacale per i diritti dei lavoratori e la difesa dei posti di lavoro rischia di essere solo retorica se non si affrontano le cause profonde delle ingiustizie che sono state esacerbate dalla pandemia.

Un anno dopo la pandemia, siamo di nuovo alle solite. Un'emergenza sanitaria pubblica diventa un'opportunità di profitto privato per Big Pharma. Un operatore sanitario che muore ogni 30 minuti diventa solo un numero nella narrazione che li dipinge come eroi. I governi che avevano promesso di lottare per una maggiore trasparenza fiscale per raccogliere fondi per ricostruire i servizi pubblici ora chiudono un occhio e cospirano alle nostre spalle per ridurre i nostri salari e il nostro lavoro. 

Quando la pandemia è iniziata, per un breve momento, abbiamo sentito che potevamo essere davanti a un'opportunità di vita per l'umanità intera - e forse lo siamo ancora. Ma dopo 3 milioni di morti e con più di 250 milioni di posti di lavoro persi l'anno scorso, quello che vediamo, almeno per ora, è proprio il contrario.

La pandemia ha esacerbato la disuguaglianza e l'ha resa molto più visibile. Ha anche esposto a occhio nudo il dominio del Nord globale nei processi economici e politici e come ciò viene utilizzato per sostenere gli interessi delle imprese, in particolare a scapito dei paesi in via di sviluppo.

La frattura già esistente tra il Nord e il Sud globale è ora diventata una frattura aperta. Quasi il 40% di tutte le dosi di vaccino nel mondo sono state somministrate in 27 paesi ricchi per il primo, ovvero 1 persona su 4, mentre per il secondo il rapporto scende drammaticamente a 1 persona su 500.

Sembra che gli avvertimenti degli epidemiologi che "nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro" e che abbiamo meno di un anno prima che le mutazioni rendano inefficaci i vaccini attuali non siano sufficienti sia per contrastare la brama di profitto delle imprese sia per far cambiare idea ai governi ricchi sulla deroga TRIPS.

Big Pharma sostiene che la rimozione delle deroghe smorzerà la motivazione per l'innovazione, ma sorpresa, sorpresa, la ricerca sul vaccino Covid di Oxford/AstraZeneca è stata fatta con i soldi dei contribuenti. Un dato che rende la cosa ancora più scandalosa è il fatto che il totale pagato da AstraZeneca, Pfizer e Johnson & Johnson in dividendi e riacquisti di azioni ai loro azionisti negli ultimi 12 mesi sarebbe stato sufficiente per vaccinare 1,3 miliardi di persone, pari alla popolazione dell'Africa.

Detto questo, ci sono ancora quelli là fuori che insistono che siamo tutti nella stessa tempesta... - quando tutti sappiamo che alcuni la stanno affrontando dentro gli yacht e altri in gommoni.

Ma la storia non è ancora stata scritta.

Molti vecchi miti, accuratamente stabiliti e promossi, si stanno incrinando: che le catene globali del valore sono efficienti e flessibili; che il settore privato è sempre migliore; che i servizi pubblici possono essere tranquillamente privatizzati; che la spesa non può essere aumentata per misure sociali e molti altri. C'è ora l'opportunità di creare una nuova narrazione coerente che galvanizzi un ampio sostegno alla nostra visione.

È tempo per noi di essere audaci e vocali.

È il momento di chiedere al movimento operaio e ai nostri alleati di avere un'agenda radicale.

Non possiamo lasciare che coloro che ci hanno portato qui ci riportino nel luogo in cui la crisi attuale ha le sue radici. Dobbiamo chiarire una volta per tutte che ricostruire il vecchio sistema non funzionerà. Che coloro che hanno causato la crisi non possono portare la soluzione. Ora, più che mai, abbiamo bisogno di un cambiamento fondamentale, con i servizi pubblici riabilitati come motore chiave della nostra ripresa.

Non possiamo permettere che Covid sia usato come pretesto per erodere i diritti e le condizioni dei lavoratori e minare i diritti sindacali - come in India dove un'ordinanza draconiana con il pretesto di facilitare le attività economiche ha eliminato, con un colpo solo, 38 leggi sul lavoro per un periodo di 1000 giorni.

Dobbiamo continuare a ricordare alla gente che sono stati i servizi pubblici e i dipendenti pubblici a tenerla al sicuro e a sostenere l'economia.

Con la pandemia, i ricchi e i privilegiati hanno riconsiderato ciò a cui danno valore: la famiglia, la salute, l'educazione, la stabilità e quanto dipendono dai lavoratori emarginati e dai servizi pubblici per fornirli. Ma "gli applausi" non si sono tradotti in salari e condizioni di lavoro migliori - e dobbiamo continuare a lottare perché questo diventi realtà.

E' tempo di reimmaginare il ruolo di uno stato progressista e redistributivo che metta al centro i diritti umani e la protezione dell'ambiente. Di fare in modo che i governi si riprendano gli strumenti per potenziare lo stato e i servizi pubblici nel perseguimento dello sviluppo.

È il momento di lottare per una maggiore trasparenza fiscale in modo da poter finalmente recuperare i miliardi che fluiscono nei conti bancari offshore e utilizzare questi fondi per ricostruire i nostri servizi pubblici. Non possiamo permetterci di perdere ogni anno 34 milioni di stipendi di infermieri a causa di abusi fiscali. Ancora meno quando c'è ancora un deficit di 6 milioni di infermieri a livello globale, secondo lo Stato dell'OMS dell'assistenza infermieristica mondiale 2020.

È il momento di fare pressione sull'UE affinché guidi il G20 nel sostenere una deroga TRIPS in modo da poter accelerare le vaccinazioni ed evitare i rischi di ulteriori blocchi infiniti, crescenti contraccolpi pubblici, variazioni mutanti e morti inutili.

È tempo di riconoscere i molti lavori in prima linea che hanno mantenuto le nostre comunità in funzione e che sono prevalentemente svolti da donne: lavoro di cura, lavoro sanitario, pulizie e assistenza all'infanzia - lavoratori troppo spesso sottovalutati, sottopagati e precari e spesso soggetti a richieste di lavorare gratis, e a cui vengono negati i diritti formali del lavoro.

In breve, è il momento per noi, lavoratori dei servizi pubblici, di fare i collegamenti con altre lotte e spiegare come i cambiamenti di cui abbiamo bisogno non sono unici alla pandemia: che risolvere il cambiamento climatico, la disuguaglianza e la disoccupazione richiedono tutti investimenti in servizi pubblici di qualità, redistribuzione della ricchezza, diritti dei lavoratori, e una democrazia più forte e migliore.

Non commettiamo lo stesso errore due volte: dopo la crisi finanziaria globale del 2008, siamo rimasti a guardare la comunità economica e finanziaria globale cogliere l'opportunità di rendere l'Agenda 2030 per il finanziamento dello sviluppo un'altra fonte dei loro profitti. Riconoscere il ruolo delle parti sociali non può significare condividere lo scopo e gli obiettivi delle grandi imprese. Mostrare indulgenza verso il capitale sarà un compromesso colpevole. Dobbiamo stare con il nostro popolo e rivendicare immediatamente un cambiamento strutturale.

Il futuro è ora... o non sarà"

Rosa Pavanelli

Segretaria Generale di PSI