uilpa internazionale logo

Con più di 200 milioni di posti di lavoro persi a causa della pandemia, un altro centinaio di milioni ancora a rischio e un gran numero di disoccupati - la stragrande maggioranza dei quali sono donne - che semplicemente abbandonano il mercato del lavoro, la Giornata mondiale per il lavoro dignitoso del 7 ottobre chiederà ad ogni governo di sviluppare piani per il lavoro.

La segretaria generale dell'ITUC Sharan Burrow ha detto: "I governi devono avere una priorità assoluta, ed è il lavoro. Devono impegnarsi di nuovo per la piena occupazione. Questo fornisce la base per la sicurezza economica e per la giustizia sociale. La richiesta dell'ITUC è un obiettivo di 565 milioni di posti di lavoro e la formalizzazione di almeno la metà dei lavori informali entro il 2030. Questo è l'unico modo per raggiungere l'obiettivo di sviluppo sostenibile 8 delle Nazioni Unite, e raggiungere l'obiettivo 8 è la chiave per raggiungere gli altri SDGs. I sindacati chiedono ai governi di mettersi attorno a un tavolo con i sindacati, i datori di lavoro e altri, per fissare con urgenza degli obiettivi ambiziosi per creare e mantenere i posti di lavoro. E poi devono raggiungere quegli obiettivi assicurando la creazione di posti di lavoro rispettosi del clima per stabilizzare il pianeta e realizzare un'economia a zero emissioni di carbonio.Ci deve essere una forte attenzione all'occupazione nel settore di vitale importanza dell'assistenza e nelle infrastrutture. La nostra richiesta di posti di lavoro è realizzabile, in particolare se i governi perseguono politiche fiscali che siano eque invece che progettate per permettere a un piccolo numero di persone di accumulare centinaia di miliardi di dollari evitando le tasse. Queste entrate potrebbero dare il via alla creazione di posti di lavoro".

Un nuovo contratto sociale

"Il mercato globale del lavoro è rotto. I governi non sono riusciti a regolare il lavoro e hanno perso di vista l'obiettivo della piena occupazione. Il lavoro è ancora più precario di quanto non fosse prima che la pandemia colpisse, e questo richiede che le regole cambino in modo che le persone siano protette dal crescente sfruttamento e dalla dilagante insicurezza. I posti di lavoro sono assolutamente centrali per la ripresa e per costruire la resilienza necessaria a livello globale per affrontare la pandemia e altre minacce esistenziali. La creazione di posti di lavoro è centrale nel Nuovo Contratto Sociale, insieme ai diritti, alla protezione sociale, all'uguaglianza e all'inclusione. La Giornata mondiale per il lavoro dignitoso amplificherà l'appello Just Jobs, e come sottolinea il nostro brief della campagna, per affrontare la crisi dell'informalità", ha detto Sharan Burrow.