I sindacati hanno accolto con favore l'adozione della dichiarazione ministeriale da parte del Forum Politico di Alto Livello sullo sviluppo sostenibile (HLPF), in quanto riconosce il lavoro dignitoso, la protezione sociale e gli investimenti resistenti al clima con giuste transizioni come pilastri fondamentali per la ripresa. Ma questo deve ora essere tradotto in azioni di governo.

L'HLPF di quest'anno si è concentrato sui modi per garantire una ripresa sostenibile e resiliente dal COVID-19 in linea con gli SDGs (Obiettivi di Sviluppo sostenibile). Questo includeva una revisione dei progressi sull'SDG 8.

La dichiarazione ministeriale riafferma l'impegno dei governi verso gli SDGs come "progetto globale" per rispondere alla pandemia e costruire "un futuro migliore per tutti".

I sindacati hanno accolto con favore:


- i riferimenti all'agenda del lavoro dignitoso;
- l'impegno a proteggere i diritti dei lavoratori e la salute e la sicurezza sul lavoro per tutti
- l'impegno a sradicare il lavoro forzato e minorile
- la creazione di "condizioni per un lavoro dignitoso per tutti, anche per quelli dell'economia informale
- la promozione di pratiche commerciali sostenibili;
- la richiesta di investimenti nell'economia della cura;
- il riconoscimento della quota sproporzionata di donne nell'assistenza non retribuita e nel lavoro domestico;
- e la necessità di colmare il divario di genere nel mercato del lavoro.

Anche se la Dichiarazione perde l'opportunità di riferirsi esplicitamente alla protezione sociale universale, è cruciale rispetto alla necessità per tutti i paesi di estendere la copertura della protezione sociale, compresi i piani di protezione sociale.


La protezione sociale universale non è solo un diritto umano fondamentale, ma una componente essenziale della ripresa globale a lungo termine e della resilienza e dovrebbe essere incrementata anche attraverso la creazione di un Fondo globale di protezione sociale per i paesi meno ricchi.

A questo proposito, l'ITUC ha accolto con favore la Dichiarazione che esorta i paesi sviluppati a rispettare i loro impegni in materia di APS e a intensificare tali sforzi e ha chiesto un maggiore sostegno internazionale e il rafforzamento dei partenariati globali per sradicare la povertà.

Come riconosciuto dalla Dichiarazione, la tassazione progressiva è fondamentale per rafforzare la mobilitazione delle risorse interne per combattere le disuguaglianze.
I sindacati sostengono con forza la richiesta di "investimenti immediati in transizioni resistenti al clima, inclusive e giuste" come elemento importante delle politiche di ripresa economica sostenibile, inclusiva e sensibile al clima dalla crisi del Covid-19.

Purtroppo, sebbene la Dichiarazione si impegni a "perseguire soluzioni multilaterali guidate dalla solidarietà globale nel rispondere alla pandemia", non riconosce l'attuale urgente necessità di un accesso universale e gratuito ai vaccini e ai servizi sanitari Covid-19.

I sindacati sono rimasti delusi dall'assenza di riferimenti al multilateralismo inclusivo in cui il dialogo sociale può svolgere un ruolo chiave. Solo un sistema multilaterale veramente inclusivo in cui le parti sociali sono a bordo e hanno voce in capitolo farà la differenza e aprirà la strada alla resilienza globale.


La drammaticità degli SDGs richiede un'ambizione senza precedenti e una vera solidarietà. Come ha sottolineato il segretario generale delle Nazioni Unite, "manca ancora un ingrediente critico: la volontà politica". Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno che i leader mondiali facciano il loro dovere e aprano la strada per rendere un nuovo contratto sociale una realtà nel decennio di azione degli SDG.