Per la prima volta dall'inizio delle registrazioni, il conteggio ufficiale del numero di bambini implicati nel lavoro minorile è in aumento. 
 
Per 20 anni l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha calcolato la cifra ogni quattro anni attraverso indagini sulle famiglie. 
 
Nel periodo 2016-2020 si stima che 160 milioni di bambini siano stati impiegati nel lavoro minorile a livello globale - quasi un bambino su dieci. Circa 79 milioni erano impegnati in lavori pericolosi, che hanno messo in pericolo salute, sicurezza e sviluppo morale. 
 
Anche se la percentuale di bambini nel lavoro minorile è rimasta più o meno invariata, queste cifre significano che il numero totale di bambini nel lavoro minorile è aumentato di oltre otto milioni nel periodo 2016-2020, mentre il numero assoluto di bambini in lavori pericolosi è aumentato di 6,5 milioni. 
 
La Segretaria generale dell'ITUC, Sharan Burrow, ha dichiarato: "Ciò che è ancora più scioccante di queste cifre è che non includono l'effetto della pandemia COVID-19. Non c'è dubbio che la crisi sanitaria ha peggiorato ulteriormente le cose. Lo scandalo è che abbiamo la risposta a questo. Sappiamo che possiamo affrontare la piaga del lavoro minorile attraverso un Nuovo Contratto Sociale per i lavoratori, che include la richiesta di creare un lavoro dignitoso per gli adulti e di investire nella protezione sociale e nei servizi inclusivi, come l'assistenza e l'istruzione. I genitori non vogliono che i loro figli lavorino. Sono costretti a farlo per sopravvivere e per l'assenza di un'istruzione di qualità. Nessun genitore dovrebbe fare questa scelta. I lavoratori meritano un Nuovo Contratto Sociale ora".