Un nuovo studio globale dell'ITUC e dell'UNI Global Union ha scoperto che il 98% dei lavoratori nel mondo non sta ottenendo l'indennità di malattia, la sostituzione del salario e le prestazioni sociali necessarie per affrontare le sfide del COVID-19. Questa innovativa analisi globale ha classificato 181 risposte governative alla pandemia e colloca l'Argentina al primo posto. Poco più della metà dei governi nello studio riconosce il Covid-19 come una malattia professionale attraverso un processo normativo formale.

Il rapporto "Covid-19: An Occupational Disease - Where frontline workers are best protected" analizza e classifica i livelli di compensazione dei lavoratori, i programmi di sicurezza sociale e i sistemi sanitari pubblici. Comprende 124 paesi, oltre a 37 stati USA, 13 province e territori canadesi e sette stati australiani. I primi cinque paesi del rapporto sono l'Argentina, seguita da Austria, Svezia, Francia e Spagna.
Le prime dieci giurisdizioni classificate nello studio rappresentano solo il 2% della popolazione attiva mondiale.

Poco più della metà (98 giurisdizioni) riconosce il Covid-19 come malattia professionale attraverso un processo normativo formale, permettendo alle persone che hanno contratto il coronavirus sul lavoro di accedere alle protezioni sociali e ai diritti - come l'indennità di malattia, l'assistenza medica e la sostituzione del salario - che altrimenti sarebbero negati.

Questo riconoscimento è particolarmente importante per i lavoratori che soffrono di coronavirus e di altre complicazioni in corso della malattia.

L'ITUC e l'UNI Global Union stanno facendo cinque raccomandazioni politiche chiave per garantire un migliore sostegno ai lavoratori in prima linea:

 - Qualificazione automatica per i benefici relativi alla malattia Covid-19.
- Copertura per tutti i lavoratori indipendentemente dal rapporto di lavoro.
- Raccolta di dati affidabili.
- Inclusione di una categoria generale di malattie infettive professionali nelle leggi e nella politica.
- Congedo retribuito per i test e la guarigione.

Sharan Burrow, Segretaria Generale dell'ITUC, ha detto: "Non possiamo lasciare che i lavoratori in prima linea cadano in disgrazia senza protezione sociale. Una ripresa resiliente ha bisogno di un nuovo contratto sociale, che dia ai lavoratori le migliori possibilità di ottenere i benefici e le compensazioni che meritano, con un Fondo globale per la protezione sociale come primo passo verso i diritti universali. Per fare questo, chiediamo all'Organizzazione Internazionale del Lavoro di riconoscere urgentemente il Covid-19 come malattia professionale, come parte della spinta per rendere la salute e la sicurezza sul lavoro un diritto fondamentale".

Poco più di un anno fa, nella Giornata Internazionale della Memoria dei Lavoratori 2020, i sindacati globali, tra cui UNI Global Union e ITUC, hanno chiesto che il Covid-19 fosse riconosciuto come malattia professionale. Questo rapporto mostra che sono stati fatti progressi, ma c'è ancora molto da fare.

Altri risultati chiave:

- Solo 10 giurisdizioni (5,5%) hanno ricevuto il massimo dei voti indicando disposizioni buone o molto buone per la sostituzione del salario, le cure mediche, l'indennità di malattia e le indennità di morte.
- L'indennità di malattia era disponibile in 104 giurisdizioni, il che significa che quasi il 43% dei lavoratori non aveva accesso al congedo di malattia retribuito.
- Solo il 6% delle giurisdizioni studiate aveva regole presuntive, regolamenti, leggi o politiche che danno accesso automatico senza prove alle cure mediche e alla sostituzione del salario per tutti i lavoratori. Tuttavia, quando si considerano gli operatori sanitari, questa percentuale sale al 17%.
- L'Argentina ha ricevuto il massimo punteggio per un paese, dimostrando che un forte sostegno ai lavoratori non dipende dalla ricchezza di una nazione.
In Germania e nei paesi nordici, la legislazione esistente sulle malattie infettive significa che i lavoratori che contraggono la Covid-19 hanno accesso automatico al congedo per malattia, alla sostituzione del salario e alle cure mediche. Non è stato necessario alcun cambiamento formale alla legislazione per sostenere i lavoratori. Essi forniscono alcuni dei migliori esempi di come un paese potrebbe prepararsi a future pandemie.

il link a questo importantissimo studio: https://uniglobalunion.org/sites/default/files/files/news/covid-19_an_occupational_disease.pdf#overlay-context=

Qui il link al Fondo per la Protezione Sociale: https://www.ituc-csi.org/global-social-protection-fund?lang=en#msdynttrid=oFVXbyoIUxc0mEziBI4gFTQ1xHB5L_KVDltuLcy-pu0