Lettera dei segretari generali FP-CGIL - CISL-FP - UIL-FPL - UIL-PA.

La Federazione Sindacale Europea dei Servizi Pubblici (EPSU) ha organizzato per il 24-25 ottobre a Bruxelles una manifestazione in occasione del Consiglio europeo, in cui saranno in agenda temi importanti, come la governance economica comune, che influenzeranno le successive scelte di politica economica di tutti i governi nazionali dei Paesi membri.
In vista di questo evento, la Epsu propone a tutte le federazioni affiliate una iniziativa comune, attraverso cui manifestare ai decisori nazionali e comunitari la contrarietà dei lavoratori pubblici alle politiche tutte tagli e niente investimenti che hanno colpito in questi anni i nostri settori.
L'iniziativa, a cui come federazioni dei servizi pubblici di Cgil Cisl e Uil abbiamo aderito, è semplice da attuare, ma potrà trarre forza dalla partecipazione di tanti. Non sarà una iniziativa di vertice, così come l'Europa che vogliamo non è calata dall'alto, perché avrà come protagoniste le persone nei loro luoghi di lavoro, per mostrare concretamente che i servizi pubblici non sono cifre nella contabilità ma persone e far arrivare la loro voce in Europa.
Si tratterà di scattare immagini dei nostri luoghi di lavoro e delle persone (delegati sindacali, iscritti, colleghi) che mostreranno cartelli e slogan contenenti una sintesi del messaggio che vogliamo mandare ai responsabili politici nazionali ed europei: queste politiche non funzionano, non affrontano i problemi veri, colpiscono i servizi pubblici e la contrattazione, noi come sindacati dei lavoratori pubblici abbiamo delle proposte alternative e vogliamo essere ascoltati.
Queste immagini, nelle settimane che precedono la data del vertice, verranno raccolte e inviate al Presidente del Consiglio europeo, al Presidente della Commissione europea e ai singoli governi. Verrà inoltre esposta, con questi scatti, una grande mostra fotografica di fronte alla sede del Consiglio europeo a Bruxelles.//www.flickr.com/photos/94657608@N02/sets/72157634120254518/"> Inoltre saranno visibili sul sito della Epsu.
È evidente che l'azione sarà tanto più rappresentativa, e più efficace, quanto più varia e numerosa sarà la partecipazione. I messaggi intorno ai quali ruota l'iniziativa, che saranno resi visibili negli slogan e nelle immagini da mostrare in ciascuna delle foto a rappresentare la "voce collettiva" delle lavoratrici e dei lavoratori, sono molto sintetici e diretti in modo da colpire e coinvolgere, ma mettono a fuoco aspetti essenziali anche in relazione alla situazione italiana:
- il fermo no alla logica dei tagli lineari;
- la necessità di un fisco giusto e progressivo;
- la creazione di nuova occupazione di qualità anche nel pubblico, specialmente per i giovani;
- il rispetto della contrattazione e dell’ autonomia delle parti sociali nel settore pubblico.
Per questo vi invitiamo unitariamente a promuovere l'iniziativa nel vostro territorio, chiedendo a colleghi e Rsu di scattare fotografie nel posto di lavoro, coinvolgendo quante più persone possibile e utilizzando uno o più volantini (allegati insieme al documento che illustra l'iniziativa), che potranno essere personalizzati. Le fotografie dovranno essere inviate per email, entro il 23 ottobre, agli uffici internazionali delle nostre categorie:
- Enzo Bernardo, FPCGIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- Mirko Checcacci, CISLFP: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- Pino Dominici, UILPA: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ringraziando per l'impegno e la collaborazione alla riuscita dell'iniziativa, inviamo cordiali saluti.
Rossana Dettori (FPCGIL) Giovanni Faverin (CISLFP) Giovanni Torluccio (UILFPL) Benedetto Attili (UILPA).